Arianna Talamona a #Nuotopuntolive: “Incrociamo le dita per la Paralimpiade di Tokyo”

Arianna Talamona ci ha tenuto compagnia per più di mezz’ora nell’ultimo appuntamento di #Nuotopuntolive. La ventiseienne della Polha Varese si è raccontata nella trentaquattresima puntata tra sogni acquatici e progetti fuori dalla vasca:

Per Tokyo, sono disposta anche a vivere in quarantena per tre mesi, basta che me la facciate fare questa Paralimpiade. Poi dopo non so ancora cosa farò: sono laureata in Psicologia e ho tanti progetti per la mente.

Oltre a sfrecciare in acqua, Arianna è molto attiva anche sui social:

Mi piace avere una community di followers, che mi seguono e interagiscono su tantissimi temi. Durante il lockdown mi sono sentita utile e al tempo stesso mi sono divertita a farlo. Comunicare non è facile e oltre a essere un impegno credo che sia una responsabilità. Da una parte è giusto essere consapevoli della disabilità, dall’altra è giusto capire che non ci devono essere differenze nella vita quotidiana. Conoscere i propri limiti, ma non porsene degli altri: è una questione di equilibrio, come in tutti gli aspetti della vita.

Qui sotto la puntata completa:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Pio D'Emilia: non so se da un punto di vista sportivo questa edizione dei Giochi sarà memorabile, ma da un punto di vista sociale sarà ricordato come un evento davvero importante!

Pio D’Emilia: non so se da un punt...

Lo avevamo contattato prima dei Giochi, quando l'incertezza sembrava regnare su tutto, quando la popolazione giapponese manifestava il proprio timore ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu