36 pillole di doping bulgaro?

Tre giovani membri della squadra di nuoto bulgara risultati positivi allo stanozolol (Stanozololo), hanno affermato di aver ricevuto pillole dalla federazione nazionale di nuoto. Zdravko Bablakov, Svetlozar Nikolov e Blagoy Panayotov sono stati temporaneamente sospesi, come ha annunciato l’agenzia antidoping SAA. Il test in questione è stato sostenuto il 4 Febbraio 2021

Le pillole ci sono state date dal dottor Lyubomir Petrov“, ha detto Panayotov ad una emittente televisiva bulgara. “Ce le danno due volte al giorno. Al mattino, dopo la prima seduta di allenamento e alla sera, dopo la seconda seduta.”

Tutti e tre i nuotatori hanno detto all’emittente privata di essere stati informati della loro positività dal dottor Petrov, invitandoli a riferirgli qualsiasi domanda dei media alla federazione nazionale di nuoto.

Tutti gli atleti sanno quali farmaci stanno assumendo“, ha detto a Hello Bulgaria il presidente federale Georgi Avramchev. “Sono preparati da un medico. Lavoriamo con lui da tre anni e mi fido di lui. Quando vengono prelevati i campioni, viene redatto un rapporto in cui ogni atleta descrive ciò che sta prendendo. Alcuni hanno preso 36 pillole, ma non di diverso tipo. È solo che se devi prendere 8 mg e una pillola è 1 mg, ne prendi otto “.

Le “36 pillole” sono un riferimento a un’intervista rilasciata da Nikolov. “Per due anni abbiamo avuto un medico che si occupa del nostro recupero [Petrov] e durante il camp di Belmeken, abbiamo ricevuto 36 pillole al giorno in un bicchiere di plastica“, ha detto l’atleta a Sportal.bg. “Prima ci hanno mostrato le scatole, ma hanno deciso di darcele in una tazza perché era più facile per loro. Ci siamo fidati di loro, il che è stato un grosso errore. Siamo stati minacciati di non ricevere stipendi o di essere espulsi dal camp. Se ci rifiutavamo di andare al raduno, eravamo comunque sanzionati “.

Bablakov e Panayotov entrambi 18enni, e Nikolov 20 anni, speravano di poter competere comunque alle Olimpiadi di Tokyo. Una petizione a loro favore è stata lanciata da Nina Rangelova, detentrice di 13 primati nazionali dichiara quanto segue. “Vogliamo mostrare sostegno a Nikolov, Panayotov e Bablakov nella loro lotta contro la Federazione Bulgara che cerca di lavarsi le mani della faccenda per uscirne impunita”.

Anche Diana Petkova, la detentrice del record bulgaro sui 50 sl che studia negli Stati Uniti, ha affermato di aver vissuto esperienze simili. “Vivo questa vicenda come se stesse accadendo a me“, ha scritto su Facebook.

Il ministero dello sport bulgaro ha chiesto alla federazione di condurre un’indagine, nonostante i nuotatori affermino che questa stia sistematicamente dopando i propri atleti.

Dal 2018 ad oggi, la percentuale di campioni positivi che coinvolgono nuotatori nazionali è estremamente ridotta“, si legge in una dichiarazione. “Per questo periodo, il Centro antidoping ha condotto 136 test, di cui il numero totale di campioni positivi è cinque, e tre sono nuotatori delle nostre squadre nazionali. Ciò dimostra che non ci sono violazioni sistematiche delle regole antidoping e non è stata stabilita alcuna pratica per l’uso di sostanze vietate nella squadra nazionale di nuoto “.

Il dottor Lubomir Petrov, accusato di aver dato pillole ai tre atleti nel corso del raduno di Belmeken sui monti del Rila, è professore presso l’Accademia nazionale dello sport della Bulgaria. È membro del Dipartimento di Fisiologia e Biochimica e della Facoltà di Sport, che si occupa di atleti che gareggiano in wrestling, judo, sport sul ghiaccio, calcio, tennis, sollevamento pesi, boxe e scherma.

Fonte Sport Integrity

image_pdfScarica contenuto in pdf
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING

Campionati Europei

BUDAPEST
10-05-21

XXXII Giochi Olimpici

TOKYO
23-07-21
Davide Pontarin: "Società agonizzanti, aiuti inesistenti, ma non molliamo. Torno a bordo vasca per tutelare gli atleti"

Davide Pontarin: “Società agonizza...

La pandemia ha colpito duramente il mondo del nuoto, a livello sia agonistico sia gestionale. Le risorse sono sempre più ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu