D5. L’Italnuoto si tinge di rosa. 1500 SL D: Simona Quadarella padrona d’Europa, al Bronzo Martina Caramignoli. 4X200 femminile d’Argento. Sorpresa Panziera: argento nei 100 dorso.

Conclusa una intensa e lunga quinta giornata di gare dei XXXV Campionati europei di nuoto. Ri-suona l’inno di Mameli alla Duna Arena, dalla giornata odierna arrivano per noi quattro medaglie, 1 oro, 2 argenti e 1 bronzo, sette azzurre sul podio, 1 titolo continentale e una gradita sorpresa a fine turno, segue il report odierno, a fondo pagina il riepilogo di quanto accaduto fino ad oggi.

FINALI – Venerdì 21 maggio – RISULTATI RIGUARDA LE GARE SU RAIPLAY

Simona Quadarella. Budapest. Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

1500 SL D – DOPPIETTA AZZURRA. Mai un dubbio la vittoria della romana Simona Quadarella, conduce la gara dai 100 metri fino al termine (15.53.59) confermandosi la migliore mezzofondista in Europa. Secondo titolo per l’Italia e per l’azzurra che vince la sua quinta medaglia continentale consecutiva. Chiare fin da subito anche le intenzioni di Martina Caramignoli, salire sul podio continentale, ci riesce dalla corsia uno agganciando il treno giusto, quello della russa Anastasia Kirpichnikova d’argento al touch finale, per la reatina una meritatissima medaglia di bronzo (16.05.81).

Quadarella “Quinto oro europeo consecutivo: l’obiettivo era questo, sono contenta perché è bellissimo confermarsi, sono commossa. Speravo in un tempo inferiore ma visto il periodo di allenamento intenso va bene così. Ho sbagliato a fare la gara solo su me stessa, avrei dovuto spingere di più. Sono soddisfatta per essere riuscita a ottenere un buon risultato anche cronometrico in una fase di carico. Martina è un grande stimolo, sono contenta di tenere alti i colori dell’Italia insieme a lei”

Caramignoli: “Anch’io sono commossa, non volevo tornare a casa a mani vuote. È una medaglia molto desiderata, il tempo non mi soddisfa appieno ma ho saputo resistere al ritorno delle avversarie e sono felice. Mi sono fatta un bel regalo per i miei trent’anni. A sette anni da Berlino 2014 questa medaglia ha un sapore diverso: mi sento più matura, ho lottato con le unghie e con i denti e sono felicissima.”

PODIO 1500 SL D

  • 1) QUADARELLA Simona 15.53.59 (Christian Minotti)
  • 2) KIRPICHNIKOVA Anastasia (RUS) 16.01.06
  • 3) CARAMIGNOLI Martina Rita 16.05.81 (Germano Proietti)

50 FA U – Lo sprint della farfalla vede gli azzurri Piero Codia (23.54) e Thomas Ceccon (23.56) chiudere in settima ed ottava posizione, azzurri poco soddisfatti della loro prestazione, vince l’atleta di casa Szebasztian Szabo davanti al campione uscente Andriy Govorov (UKR).

Ceccon: “Mi sentivo bene, peccato per uno dei peggiori arrivi della mia carriera. Non è un bene in una manifestazione di questo livello, lo prendo come un insegnamento e un’indicazione per lavorare di più su questi particolari in allenamento”.

PODIO 100 FA U

  • 1) SZABO Szebasztian (HUN) 23.00
  • 2) GOVOROV Andriy (UKR) 23.01
  • 3) ZHILKIN Andrey (RUS) 23.08
    • 7) CODIA Piero 23.54 (Alessandro D’Alessandro)
    • 8) CECCON Thomas 23.56 (Alberto Burlina)

Margherita Panziera. Budapest. Photo Giorgio Perottino / Deepbluemedia / Insidefoto

100 DO D (GARA ANNULLATA). Medaglia di legno per l’azzurra Margherita Panziera, contenta del passaggio a metà gara, ma non completamente soddisfatta del computo totale della finale, per lei domani l’atteso appuntamento sulla doppia distanza. L’inglese Kathleen Dawson è la più veloce (58.18).

Panziera: “Ho dato l’anima ma non è bastato. Peccato, oggi non sarebbe bastato neppure il 59.5 che ieri ho nuotato due volte in un’ora. Sono soddisfatta del passaggio ma nella seconda vasca non avevo più energie.

Aggiornamento 19.30. A causa di un problema nella procedura di partenza, la direzione di gara dei Campionati europei ha deciso di annullare la prova dei 100 dorso femminili che sarà ripetuta alle 20.45. Tutto da rifare quindi per Kathleen Dawson (GBR), che aveva conquistato l’oro in 58.18, tra l’altro con il record dei campionati, davanti a Kira Toussaint (NED, 59.02) e Maria Kameneva (RUS, 59.13). Per Margherita Panziera un occasione di migliorare il 59.65 che le è valso il quarto posto.

100 DO D BIS – (RIPETIZIONE). Fantastica Margherita Panziera, a cui giova non poco la ripetizione della finale (59.01 – 28.91) causata da un problema tecnico dello starter, per noi la terza medaglia d’argento odierna e segnali più che incoraggianti  in vista della prova dell’azzurra sulla doppia distanza in programma domani. L’inglese Kathleen Dawson conferma la vittoria ottenuta nella prima finale ma senza ripetere il tempo ottenuto in precedenza, 58.49 contro 58.18, bronzo per la russa Maria Kameneva (59.22) che scalza dal podio l’olandese Kira Toussaint. Opportunità più unica che rara in cui solo la nostra atleta è riuscita a migliorare il tempo ottenuto in precedenza, nello specifico di 64 centesimi.

Podio 100 DO D (RIPETIZIONE)

  • 1) DAWSON Kathleen (GBR) 58.49
  • 2) PANZIERA Margherita (ITA) 59.01 (Gianluca Belfiore)
  • 3) KAMENEVA Maria (RUS) 59.22

Podio 100 DO D ( PROVA ANNULLATA)

  • 1) DAWSON Kathleen (GBR) 58.18
  • 2) TOUSSAINT Kira (NED) 59.02
  • 3) KAMENEVA Maria (RUS) 59.18
    • 4) PANZIERA Margherita  59.65 (Gianluca Belfiore)

200 RA D – Davvero una bella finale quella dei 200 rana femminile, imprevedibile fino al touch finale. Francesca Fangio  soddisfatta della sua prima finale continentale in vasca lunga chiude la gara in sesta posizione (2.24.46). Vince la britannica Molly Renshaw davanti alla sorprendente svizzera Lisa Mamiè che cresce di turno in turno fino al 2.22.05 della finale, bronzo per Yulia Efimova, esclusa dalla qualificazione olimpica in questa specialità, che si toglie la soddisfazione di toccare davanti, per un solo centesimo di secondo, alla talentuosa connazionale Evgeniia Chikunova (2004), la dominatrice della rana dai 50 ai 100 ai Trials di Russia.

Fangio: Speravo di fare meglio, ho accusato un pò le due prove di ieri, ho cercato di non scompormi e di fare la mia gara sapendo che le prime posizioni in questo momento non sono alla mia portata. Complessivamente sono soddisfatta”.

Podio 200 RA D

  • 1) RENSHAW Molly (GBR) 2.21.34
  • 2) MAMIE Lisa (SUI) 2.22.05
  • 3) EFIMOVA Yuliya (RUS) 2.22.16
    • 6) FANGIO Francesca 2.24.26 (Renzo Bonora)

200 SL U – Il russo Martin Malyutin (1.44.79) grazie ad una rush finale, non bello esteticamente ma funzionale alla vittoria, vince il titolo dei 200 stile libero con il nuovo primato dei Campionati, il precedente apparteneva ad un certo Pieter Van Den Hoocheband, argento per il britannico Duncan Scott (1.45.19) che non riesce a ripetersi sui livelli espressi ai recenti trials britannici (1.44.47), sul podio per il bronzo il suo connazionale Thomas Dean (1.45.34).

Podio 200 SL U 

  • 1) MALYUTIN Martin  (RUS) 1.44.79
  • 2) SCOTT Duncan W (GBR) 1.45.19
  • 3) DEAN Thomas (GBR) 1.45.34

Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

4×200 SL D – Le azzurre tornano sul podio continentale per la medaglia di bronzo. Il valore aggiunto di Federica Pellegrini riesce a portare l’Italia sul podio, grazie ad una quarta frazione da 1.56.54, vince la Gran Bretagna davanti all’Ungheria con Boglarka Kapas che non molla una virgola al rientro della veneta.

Pellegrini: “Sono contenta, finalmente torniamo ad avere una 4×200 di livello europeo. Questo può essere un buon punto di partenza per questa staffetta. Io cerco sempre di motivare le mie compagne, evidentemente sono diventata più brava. Sono contenta per me e per le ragazze. È una prova faticosa e ci meritavamo una medaglia importante. Non è finita qui perché voglio ancora onorare le staffette 4×100 mista e 4×100 mista mixed. Cercherò di riposare al mattino per dare il meglio al pomeriggio”

Pirozzi: “Ho confermato il mio standard, sono contenta di avere ritrovato la mia cattiveria agonistica. Devo ringraziare Federica per aver creduto nel progetto di questa staffetta. Dedico la medaglia a me stessa dopo qualche anno difficile”.

PODIO 4X200 SL D

  • 1) GRAN BRETAGNA 7.53.15
  • 2) UNGHERIA 7.56.26
  • 3) ITALIA 7.56.72
    • PIROZZI Stefania 1.59.63 
    • GAILLI Sara 1.59.94  (Christian Minotti)
    • QUADARELLA Simona 2.00.61 (Christian Minotti)
    • PELLEGRINI Federica 1.56.54 (Matteo Giunta)

SEMIFINALI

200 DO U – Il giovane Lorenzo Mora non va oltre la dodicesima posizione, consapevole però di aver spinto al massimo e si gode a pieno  l’esperienza continentale (1.58.13). Come accaduto nelle batterie anche in semifinale l’inglese Luke Greenbank si conferma l’atleta da battere in finale domani (1.54.43).

Mora: “Mi sono goduto la gara, ho provato a forzare il passaggio per restare con i primi, ho migliorato di mezzo secondo rispetto a stamattina e ho fatto il mio secondo tempo si sempre. Sono felice così, questo per me è un punto di partenza”.

100 SL D – La sprinter azzurra Silvia Di Pietro nuota il quattordicesimo tempo delle semifinali (54.87) , la francese Marie Wattel (53.34) precede le due olandesi volanti Femke Heemskerk (53.49) e Ranomi Kromowidjojo (53.59), in gara per una medaglia anche la neo-campionessa europea dei 200 stile libero, la ceca Barbora Seemanova (53.68).

Di Pietro: “Non sono riuscita a migliorare il tempo di stamattina, ho cercato di passare più velocemente ma nel ritorno ero legnosa, non riuscivo a muovermi bene. Prendo questa prova come un allenamento e mi concentro per domani.”

50 RA U – RANISTI SUPER. Davvero straordinario lo sprint della rana azzurra con Nicolò Martinenghi a 26.48, secondo tempo, sarà in finale con il quinto tempo anche il compagno di allenamento Alessandro Pinzuti che nuota il suo nuovo primato personale (27.11). Un Adam Peaty quasi raggiungibile ha comunque ottenuto il miglior crono (26.38). Domani per l’assegnazione delle medaglia sarà una gara a tre, Peaty, Shymanovich e Martinenghi, salvo sorprese.

Martinenghi: “È una gara che si gioca sul filo dei centesimi, siamo tutti lì. Ho commesso qualche piccolo errore per troppa foga, ma questo tempo era il mio obiettivo e sono stracontento per essermi confermato a questo livello”.

Pinzuti: “Molto contento, ho migliorato e penso di valere ancora qualcosa in meno. Ho avuto un problema con la cuffia (l’ha persa, NdR), vediamo come va domani.”

200 MX D – Una Ilaria Cusinato assolutamente competitiva per il podio europeo (2.10.72) si qualifica per la finale di domani insieme a Sara Franceschi (2.11.41), nuotano rispettivamente il terzo ed il sesto tempo utile. Al momento la migliore è stata la giovane israeliana Anastasia Gorbenko (2.10.35).

Cusinato: “Sono contenta, finalmente ho fatto la gara che volevo. Stesso tempo al centesimo della semifinale di Glasgow, una gara molto bella. Ho ingranato le frazioni a dorso e rana nel modo giusto, domani dovrò dare tutto”.

Franceschi: “Il mio tempo migliore, sono davvero soddisfatta. Vediamo che succede domani in finale”.

SEMIFINALI

  • SE 200 DO U – 12) Mora 1.58.13
  • SE 100 SL D – 14) Di Pietro 54.87
  • SE 50 RA U – 3) Martinenghi 26.49 Q, 5) Pinzuti 27.11 Q
  • SE 200 MX D – 3) Cusinato 2.10.72 Q, 6) Franceschi 2.11.41 Q

BATTERIE

  • 100 SL D –  17) Di Pietro 54.75 Q, 22) Tarantino 55.24, 33) Cocconcelli 55.78
  • 50 RA U – 2) Martinenghi 26.54 Q, 8) Pinzuti 27.26 Q, 10) Poggio 27.33
  • 200 MX D – 3) Franceschi 2.11.78 Q, 11) Cusinato 2.13.24 Q
  • 200 DO U – 10) Mora 1.58.48, 18) Restivo 1.59.45 R1,
  • 4×200 SL D – 1) Italia 7.59.83
    • Pirozzi 2.00.01
    • Gailli 2.00.90
    • Angiolini 2.01.18
    • Pellegrini 1.57.74
  • 800 SL U – 3) Detti 7.50.61 Q, 4) Paltrinieri 7.51.33 Q, 19) De Tullio 8.01.33

RIFERIMENTI UTILI 

TUTTI I VINCITORI

  • 400 MX D  – HOSSZU Katinka (HUN) 4.34.76
  • 400 SL U -MALYUTIN Martin (RUS) 3.44.18
  • 4X100 SL D – Gran Bretagna 3.34.17
  • 4X100 SL U – Russia 3.10.41
  • 800 SL D – QUADARELLA Simona 8.20.23
  • 100 RA U – PEATY Adam (GBR) 57.66
  • 100 FA D – NTOUNTOUNAKI Anna (GRE) – WATTEL Marie (FRA) 57.37
  • 50 DO U – KOLESNIKOV Kliment (RUS) 23.80 WR/ER
  • 4×200 SL mixed – Gran Bretagna 7.26.67
  • 50 SL D – KROMOWIDJOJO Ranomi (NED) 23.97
  • 200 FA U – MILAK Kristof (HUN) 1.51.14
  • 50 DO U – TOUSSAINT Kira (NED) 27.36
  • 100 RA D – HANSSON Sophie (SWE) 1.05.69
  • 100 SL U -KOLESNIKOV Kliment (RUS) 47.37
  • 1500 SL U -ROMANCHUK Mykhaylo (UKR) 14.39.8
  • 4×200 SL U – RUSSIA 7.03.48
  •  200 FA D – KAPAS Boglarka (HUN) 2.06.50
  • 100 DO U – GINTA Robert-Andrei (ROU) 52.88
  •  200 SL D  – SEEMANOVA Barbora (CZE) 1.56.27
  • 200 RA U  – CHUPKOV Anton (RUS) 2.06.9
  • 200 MX U – GONZALEZ DE OLIVEIRA H. (ESP) 1.56.76
  • 4X100 MX mixed – GRAN BRETAGNA 3.38.82 ER
  • 1500 SL D – QUADARELLA Simona 15.53.59 
  • 50 FA U – SZABO Szebasztian (HUN) 23.00
  • 100 DO D – DAWSON Kathleen (GBR) 58.18 (GARA ANNULLATA)
  • 100 DO D – DAWSON Kathleen (GBR) 58.49
  • 200 RA D – RENSHAW Molly (GBR) 2.21.34
  • 200 SL U – MALYUTIN Martin  (RUS) 1.44.79
  • 4×200 SL D – GRAN BRETAGNA 7.53.15

PRIMATI MONDIALI (2)

  • 50 DO U – KOLESNIKOV Kliment (RUS) 23.80 (finale)
  • 50 DO U – KOLESNIKOV Kliment (RUS) 23.93

PRIMATI EUROPEI (3)

  • 50 DO U – KOLESNIKOV Kliment (RUS) 23.80 (finale)
  • 50 DO U – KOLESNIKOV Kliment (RUS) 23.93 (semifinali)
  • 4X100 MX mixed – GRAN BRETAGNA 3.38.82 (finale)

PRIMATI ITALIANI (5)

  • 100 SL – MIRESSI Alessandro 47.53 (Semifinali)
  • 100 SL – MIRESSI Alessandro 47.74 (Batterie)
  • 100 SL – MIRESSI Alessandro 47.45 (Batterie)
  • 200 FA U – BURDISSO Federico 1.54.28 (Finale)
  • 4×100 MX mixed – ITALIA 3.42.30 (Finale)
    • PANZIERA Margherita 59.55 (Gianluca Belfiore)
    • MARTINENGHI Nicolò 58.05 (Marco Pedoja)
    • DI LIDDO Elena 57.54 (Raffaele Girardi)
    • MIRESSI Alessandro 47.16  (Antonio Satta)

PRIMATI MONDIALI JUNIORES (1)

  • 200 MX – KOS Hubert (HUN) 1.56.99

PRIMATI EUROPEI JUNIORES (1)

  • 200 MX – KOS Hubert (HUN) 1.56.99

MEDAGLIERE ITALIA (16)

ORO (2)

  • 800 SL D – QUADARELLA Simona 8.20.23 (Christian Minotti)
  • 1500 SL D – QUADARELLA Simona 15.53.59 (Christian Minotti)

ARGENTO (7)

  • 4×200 SL mixed –  ITALIA 7.29.35
    • BALLO Stefano 1.46.96 (Andrea Sabino)
    • DI COLA Stefano 1.46.16 (Stefano Morini)
    • PELLEGRINI Federica 1.55.66 (Matteo Giunta)
    • PANZIERA Margherita 2.00.57 (Gianluca Belfiore)
  • 1500 SL U – PALTRINIERI Gregorio (ITA) 14.42.91 (Fabrizio Antonelli)
  • 100 SL U – MIRESSI Alessandro 47.45 RI (Antonio Satta)
  • 100 RA D – CASTIGLIONI Arianna 1.06.13 (Gianni Leoni)
  • 200 FA U – BURDISSO Federico 1.54.28 (Simone Palombi)
  • 200 SL D – PELLEGRINI Federica 1.56.29 (Matteo Giunta) 
  • 100 DO D – PANZIERA Margherita (ITA) 59.01 (Gianluca Belfiore)

BRONZO (7)

  • 4X100 SL U – ITALIA 3.11.87
    • Alessandro Miressi 47.74 RI (Antonio Satta)
    • Lorenzo Zazzeri 48.30 (Paolo Palchetti)
    • Thomas Ceccon 47.98 (Alberto Burlina)
    • Manuel Frigo 47.85 (Claudio Rossetto)
  • 1500 SL U – ACERENZA Domenico (ITA) 14:54.36 (Fabrizio Antonelli)
  • 100 RA D – CARRARO Martina 1.06.21 (Cesare Casella)
  • ITALIA 7.06.05
    • BALLO Stefano 1.47.30 (Andrea Sabino)
    • CIAMPI Matteo 1.46.17 (Stefano Franceschi)
    • DE TULLIO Marco 1.46.02 (Stefano Morini)
    • DI COLA Stefano 1.46.56 (Stefano Morini)
  • 200 MX U – Alberto Razzetti 1.57.25 (Stefano Franceschi)
  • 4×100 MX mixed – ITALIA 3.42.30
    • PANZIERA Margherita 59.55 (Gianluca Belfiore)
    • MARTINENGHI Nicolò 58.05 (Marco Pedoja)
    • DI LIDDO Elena 57.54 (Raffaele Girardi)
    • MIRESSI Alessandro 47.16  (Antonio Satta)
  • 4X200 SL D – ITALIA 7.56.72
      • PIROZZI Stefania 1.59.63
      • GAILLI Sara 1.59.94 (Christian Minotti)
      • QUADARELLA Simona 2.00.61 (Christian Minotti)
      • PELLEGRINI Federica 1.56.54 (Matteo Giunta)

MEDAGLIA DI LEGNO (3)

  • 400 MX D – 4) Ilaria Cusinato 4.38.08 (Moreno Daga)
  • 400 SL U – 4) Gabriele Detti 3.46.07 (Stefano Morini)
  • 100 DO D  4) PANZIERA Margherita  59.65 (Gianluca Belfiore) – Gara annullata

FINALISTI AZZURRI

  • 400 MX D – 4) Ilaria Cusinato 4.38.08 (Moreno Daga)
  • 400 MX D – 5) Sara Franceschi 4.40.74 (Stefano Franceschi)
  • 400 SL U – 4) Gabriele Detti 3.46.07 (Stefano Morini)
  • 400 SL U – 5) Marco De Tullio 3.46.36 (Stefano Morini)
  • 800 SL D – 1) Simona Quadarella 8.20.23 (Christian Minotti)
  • 800 SL D – Martina Caramignoli (Germano Proietti)
  • 4X100 SL D –  6) ITALIA 3.39.08
    • Silvia Di Pietro 55.11 (Mirko Nozzolillo)
    • Margherita Panziera 54.88 (Gianluca Belfiore)
    • Federica Pellegrini 53.94 (Matteo Giunta)
    • Costanza Cocconcelli 55.15 (Fabrizio Bastelli)
  • 4X100 SL U – 3) ITALIA 3.11.87
    • Alessandro Miressi 47.74 RI (Antonio Satta)
    • Lorenzo Zazzeri 48.30 (Paolo Palchetti)
    • Thomas Ceccon 47.98 (Alberto Burlina)
    • Manuel Frigo 47.85 (Claudio Rossetto)
  • 4×200 SL mixed – 2) ITALIA 7.29.35
    • BALLO Stefano 1.46.96 (Andrea Sabino)
    • DI COLA Stefano 1.46.16 (Stefano Morini)
    • PELLEGRINI Federica 1.55.66 (Matteo Giunta)
    • PANZIERA Margherita 2.00.57 (Gianluca Belfiore)
  • 100 FA D – 5) Elena Di Liddo 58.05 (Raffaele Girardi)
  • 100 FA D – 8) Ilaria Bianchi 58.41 (Fabrizio Bastelli)
  • 50 DO U – 7) Simone Sabbioni 24.92 (Luca Corsetti)
  • 100 RA U – 5) Niccolò Martinenghi 58.94 (Marco Pedoja)
  • 100 RA U – 7) Alessandro Pinzuti 59.50 (Marco Pedoja)
  • 1500 SL U – 2) Gregorio Paltrinieri 14.42.91 (Fabrizio Antonelli) 
  • 1500 SL U – 3) Domenico Acerenza 14.54.36 (Fabrizio Antonelli) 
  • 200 FA U – 2) Federico Burdisso 1.54.28 (Simone Palombi) 
  • 200 FA U – 8) Giacomo Carini 1.56.69 (Matteo Giunta)
  • 100 RA D – 3) Martina Carraro 1.06.21 (Cesare Casella)
  • 100 RA D – 2) Arianna Castiglioni 1.06.13 (Gianni Leoni)
  • 4×200 SL U –  ITALIA 7.06.05
    • BALLO Stefano 1.47.30 (Andrea Sabino)
    • CIAMPI Matteo 1.46.17 (Stefano Franceschi)
    • DE TULLIO Marco 1.46.02 (Stefano Morini)
    • DI COLA Stefano 1.46.56 (Stefano Morini)
  • 100 DO U – Thomas Ceccon  53.02 (Alberto Burlina)
  • 200 FA D –  5) Ilaria Cusinato 2.08.91  (Moreno Daga)
  • 200 MX U – 3) Alberto Razzetti 1.57.25 (Stefano Franceschi)
  • 200 SL D – 2) Federica Pellegrini  (Matteo Giunta)
  • 4×100 MX mixed – 3) ITALIA 3.42.30
    • PANZIERA Margherita 59.55 (Gianluca Belfiore)
    • MARTINENGHI Nicolò 58.05 (Marco Pedoja)
    • DI LIDDO Elena 57.54 (Raffaele Girardi)
    • MIRESSI Alessandro 47.16  (Antonio Satta)
  • 4×200 SL D – ITALIA
  • 1500 SL D – 1) Simona Quadarella 15.53.59 (Christian Minotti)
  • 1500 SL D – 3) Martina Caramignoli 16.05.81 (Germano Proietti)
  • 100 FA U –  7) Piero Codia 23.54 (Alessandro D’Alessandro)
  • 100 FA U – 8)  Thomas Ceccon 23.56 (Alberto Burlina)
  • 200 RA D – 6) Francesca Fangio 2.24.26 (Renzo Bonora)
  • 100 DO D – 2) Margherita Panziera 59.01 (Gianluca Belfiore)
  • 4X200 SL D- 3) ITALIA 7.56.72
    • PIROZZI Stefania 1.59.63
    • GAILLI Sara 1.59.94  (Christian Minotti)
    • QUADARELLA Simona 2.00.61 (Christian Minotti)
    • PELLEGRINI Federica 1.56.54 (Matteo Giunta)
  • 800 SL U – Gabriele Detti (Stefano Morini) 
  • 800 SL U – Gregorio Paltrinieri (Fabrizio Antonelli) 

AZZURRI DEL NUOTO A BUDAPEST (48)

DONNE (21)

Campionesse italiane: Costanza Cocconcelli (Fiamme Gialle / NC Azzurra 91), Federica Pellegrini (CC Aniene), Simona Quadarella (CC Aniene), Silvia Scalia (Fiamme Gialle / CC Aniene), Margherita Panziera (Fiamme Gialle / CC Aniene), Benedetta Pilato (CC Aniene), Martina Carraro (Fiamme Azzurre / NC Azzurra 91), Francesca Fangio (In Sport Rane Rosse), Silvia Di Pietro (Carabinieri / CC Aniene), Elena Di Liddo (Carabinieri / CC Aniene), Ilaria Cusinato (Fiamme Oro / Team Veneto), Sara Franceschi (Fiamme Gialle / Livorno Aquatics). Tempo limite/staffetta: Chiara Tarantino (Gestisport Coop), Martina Rita Caramignoli (Fiamme Oro / Aurelia Nuoto), Stefania Pirozzi (Fiamme Oro / CC Napoli), Sara Gailli (CC Aniene), Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle / Team Insubrika) e Lisa Angiolini (Virtus Buonconvento); le atlete che beneficiano di upgrade Carlotta Zofkova Costa De Saint (Carabinieri / Imolanuoto), Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre / NC Azzurra 91) e Antonella Crispino (Assonuoto Club Caserta).

UOMINI (26) – Convocati.

Campioni italiani: Lorenzo Zazzeri (Esercito / RN Florentia), Alessandro Miressi (Fiamme Oro / CN Torino), Stefano Ballo (Esercito / Time Limit), Gabriele Detti (Esercito / In Sport Rane Rosse), Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro / Coopernuoto), Lorenzo Mora (Fiamme Rosse / Amici Nuoto VVFF Modena), Simone Sabbioni (Esercito / Vis Sauro), Nicolò Martinenghi (CC Aniene), Edoardo Giorgetti (Fiamme Oro / CC Aniene), Piero Codia (Esercito / CC Aniene), Federico Burdisso (Esercito / Aurelia Nuoto), Alberto Razzetti (Fiamme Gialle / Genova Nuoto My Sport), Pier Andrea Matteazzi (Esercito / In Sport Rane Rosse). Tempo limite/staffetta: Manuel Frigo (Fiamme Oro / Team Veneto), Stefano Di Cola (Marina Militare / CC Aniene), Thomas Ceccon (Fiamme Oro / Leosport), Filippo Megli (Carabinieri / RN Florentia), Matteo Ciampi (Esercito / Livorno Aquatics), Marco De Tullio (Fiamme Oro / Sport Project), Alessandro Pinzuti (Esercito / In Sport Rane Rosse). Upgrade: Leonardo Deplano (CC Aniene), Domenico Acerenza (Fiamme Oro / CC Napoli), Matteo Restivo (Carabinieri / RN Florentia), Federico Poggio (Fiamme Azzurre / Imolanuoto), Andrea Castello (Imolanuoto), Matteo Rivolta (Fiamme Oro / CC Aniene), Giacomo Carini (Fiamme Gialle / Can. Vittorino da Feltre).

SINTESI DEI TURNI PRECEDENTI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Paralimpiadi e inclusione: una riflessione di e con Pio D'Emilia

Paralimpiadi e inclusione: una riflessio...

di Pio D’Emilia e Silvia Scapol Si sono concluse le Paralimpiadi del nuoto: i nostri azzurri sono stati a dir ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu