Sogno, incubo e risveglio. Livia Fiori e la malattia degli sportivi – Live con Bonifazi, Marugo, Rampazzo lunedì 14 giugno.

Quello di un atleta rappresenta un sogno. Un percorso di vita unico che caratterizza il futuro della persona, anche in età adulta. Un percorso di valori, aspetti educativi e sociali, impegno, squadra. La vita a volte regala sorprese inaspettate, non necessariamente positive.
È la storia di Livia Fiori. Una ragazza fra tante che in piscina aveva trovato una sua dimensione di realizzazione. Buoni e poi ottimi riscontri sportivi fermati bruscamente da un malore.

Era una domenica pomeriggio. Non c’erano gare in programma, era piena pandemia. Livia era uscita in bicicletta per incontrare delle amiche ma una sensazione di malessere ha condizionato la sua giornata. In pochi minuti – pochissimi in verità – la sua vita è radicalmente cambiata. Ambulanza, ospedale, arresto cardiaco.

Non era una sensazione nuova perché Livia in passato aveva avvertito e accusato palpitazioni. Una famiglia attenta e scrupolosa che aveva cercato di andare a fondo, anche grazie al fatto che papà Leonardo Fiori è medico (neurochirurgo al San Gerardo di Monza). Ma sembrava solo un problema emotivo-psicologico.

La diagnosi è quella della Cardiopatia aritmogena del ventricolo destro, frequentemente chiamata Malattia degli sportiviUn problema genetico che ha causato la morte di molti giovani atleti, tra i quali ricordiamo gli sportivi Astori, Morosini e Puerta. Un problema non facile da individuare, talvolta nemmeno è possibile farlo.

Livia è un’eccezione. Si è salvata per l’immediatezza dei soccorsi, in 4 minuti è stata soccorsa. Livia Fiori ora sta bene, deve convivere con un defibrillatore sotto pelle ed è in attesa che venga terminato uno studio per sentirsi ancor più sicura. Ha interrotto il suo sogno sportivo ma è riuscita a ritrovare la forza e la competitività che lo sport le ha permesso di costruire. In questi giorni si sta preparando per la maturità.

Lunedì 14 giugno incontreremo LIVE Livia Fiori assieme ad alcuni importanti ospiti, per far chiarezza sulla patologia (genetica) e per dare supporto allo studio per tale patologia. Uno studio per cui è stato individuato un farmaco, verificato in vitro e che oggi necessità di fondi per la ricerca in vivo.

Lunedì 14 giugno 2021 dalle ore 20.30 su Nuotopuntolive (Facebook e Youtube): Malattia degli sportivi, la storia di Livia Fiori 

Obiettivo dell’incontro è parlare di un tema delicato, comprendere come non sottovalutare eventuali sintomi, non creare allarmismi e supportare la ricerca.

Lo faremo grazie alla disponibilità di alcuni ospiti:

Livia Fiori – nuotatrice, studentessa
Dott. Leonardo Fiori – papà di Livia, neurochirurgo San Gerardo Monza
Prof. Marco Bonifazi – Coordinatore tecnico scientifico Federazione italiana nuoto
Dott. Lorenzo MarugoMedico dello sport, Medico delle squadre nazionali della Federazione italiana nuoto
Prof.ssa Alessandra RampazzoRicercatrice Università degli Studi di Padova, impegnata per la ricerca sulla Cardiopatia aritmogena del ventricolo destro
Modera:  Luca Rasi

La campagna di raccolta fondi su Rete del dono

Beat the Beat – la raccolta fondi per la ricerca

 

 

 

 

 

 

 

 

La premiazione di Livia Fiori Maggio 2021 – Federazione Italiana Nuoto

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Beat_the_beat (@campagna.beatthebeat)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Paralimpiadi e inclusione: una riflessione di e con Pio D'Emilia

Paralimpiadi e inclusione: una riflessio...

di Pio D’Emilia e Silvia Scapol Si sono concluse le Paralimpiadi del nuoto: i nostri azzurri sono stati a dir ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu