Il CIO ritira l’Ordine Olimpico a Vladimir Putin

L’Executive Board del CIO, al fine di proteggere l’integrità delle competizioni sportive nel mondo, raccomanda che le Federazioni Sportive Internazionali e gli organizzatori di eventi sportivi non invitino o consentano la partecipazione di atleti e funzionari russi e bielorussi alle competizioni internazionali.

Segue un estratto dal comunicato CIO 

Il Movimento Olimpico resta unito nel suo senso di equità nel non punire gli atleti per le decisioni del loro governo se non vi partecipano attivamente, l’attuale guerra in Ucraina, però, pone il Movimento Olimpico di fronte a un dilemma, mentre gli atleti provenienti da Russia e Bielorussia potrebbero continuare a partecipare agli eventi sportivi, a molti atleti ucraini è impedito di farlo a causa dell’attacco al loro paese.

Il CIO, sulla base della gravissima violazione della Tregua Olimpica e altre violazioni della Carta Olimpica da parte del governo russo, ha preso la decisione di ritirare l’Ordine Olimpico a tutti i funzionari del governo della Russia o in altre posizioni legate al governo, tra cui le seguenti:

  • Mr Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa
  • Mr Dmitry Chernyshenko, Vice Primo Ministro della Federazione Russa
  • Mr Dmitry Kozak, vice capo del personale dell’ufficio esecutivo presidenziale

 

COMUNICATO CIO

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
I 100 stile libero in Italia e atleti che brillano. Il parere di alcuni protagonisti della specialità.

I 100 stile libero in Italia e atleti ch...

La velocità maschile in Italia sta brillando sempre di più. I recenti Campionati Assoluti Primaverili sono stati una conferma. Riscontri ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu