Russia. Entro il 2030 il 70% della popolazione deve saper nuotare.

Su volontà e indicazione del presidente russo Vladimir Putin, il Ministero dello Sport nazionale ha avviato nel 2020 il programma statale “Strategia 2030” con l’obiettivo di portare, in dieci anni,  il 70% della popolazione a praticare sistematicamente lo sport.

Il presidente russo Vladimir Putin: “Il nostro compito è quello di coinvolgere il 70% dei cittadini russi nella pratico del sport sistematico entro il 2030. Cioè, rendere lo sport uno stile di vita per 93 milioni di persone di tutte le età. Assicureremo la massima disponibilità di infrastrutture sportive.”

All’interno del progetto “Strategia 2030” c’è il programma federale “Lo sport è uno stile di vita” che prevede lo sviluppo del progetto della federnuoto russa denominato “Nuoto per tutti“, mirato a migliorare la salute e il benessere generale della popolazione con l’obiettivo che il 70% dei russi sappia nuotare entro il 2030, il progetto prevede di insegnare a nuotare a 12,5 milioni di bambini, inclusi 124.000 bambini con disabilità e di aumentare massicciamente la frequentazione delle piscine.

La Federnuoto russa ritiene che l’obiettivo sia raggiungibile concentrandosi sull’efficenza delle infrastrutture esistenti e sulla distribuzione equa delle risorse impiantistiche.

Riteniamo importante concentrarci su diverse aree per raggiungere l’obiettivo. Il primo è l’utilizzo efficace delle infrastrutture esistenti. Il secondo è l’aumento della disponibilità degli impianti su tutto il territorio per fornire l’opportunità di insegnare a ogni bambino russo a nuotare.

Nel 2023, il Ministero dello Sport ha rilevato che 75,7 milioni di persone, pari al 56,8% della popolazione, praticano sport. Il calcio è lo sport più popolare con 3,4 milioni di praticanti, seguito dal nuoto con oltre 2,7 milioni di persone, una delle discipline sportive  che registra, in termini di praticanti, la crescita più rapida, con un aumento di quasi 210.000 praticanti rispetto al 2022.

Vladimir Salnikov

Da un lato fa piacere che il nuoto sia riconosciuto come il secondo sport del paese, ma oggettivamente merita il primo posto. La vita è iniziata in acqua e c’è molta più acqua che terra sul pianeta.  

L’aumento del numero di persone è reale: il nuoto sta diventando sempre più popolare tra i russi e le persone lo praticano sempre più. Il nuoto è un’abilità necessaria per la vita, per la propria sua sicurezza e per quella degli altri, può essere praticato a  tutte le età perché non prevede traumi, aiuta a rigenerare il corpo, a liberarsi dello stress, a correggere la postura, a rilassare la muscolatura e molto altro ancora. Tenendo conto di tutti questi fattori il nuoto merita di essere lo sport più diffuso nel paese.

Articoli correlati

Sara Curtis: "Sorridere è una buona medicina. Mi fido di Thomas, ma soprattutto lui si fida di me."

Sara Curtis: “Sorridere è una buona medi...

Il sorriso è il suo biglietto da visita. Per Sara Curtis si tratta di una stagione che sta evolvendo in ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative