Sulla paura del giudizio

La PAURA DEL GIUDIZIO sulla propria PERFORMANCE minaccia spesso la RELAZIONE tra atleti e allenatori: l’unico antidoto e’ la creazione di uno scenario relazionale e comunicativo pronto ad accogliere l’ERRORE come una grande OPPORTUNITÀ di MIGLIORAMENTO, che va esplorata insieme e utilizzata come elemento di cambiamento.

Tutto il resto deprime le emozioni, abbatte l’autoefficacia e svuota la motivazione.

Meglio ORIENTATI alla SOLUZIONE, che VITTIME dell’ERRORE.

I “buoni” ALLENATORI sono necessariamente figure umane capaci , EMPATICHE e DISPONIBILI ad apprendere dalle conseguenze dei propri atti .Ogni atleta sa come questo ingrediente non passi esclusivamente attraverso percorsi di formazione, ma arrivi soprattutto da un intento affettivo profondo e da un senso di responsabilità pedagogica consapevole, ancorché, per alcuni, meravigliosamente “naturale”.

 

  • Dott.ssa Monica Vallarin  

 

 

ASCA World Clinic 2024

Orlando (USA)
04-09-24
Sara Curtis: "Sorridere è una buona medicina. Mi fido di Thomas, ma soprattutto lui si fida di me."

Sara Curtis: “Sorridere è una buona medi...

Il sorriso è il suo biglietto da visita. Per Sara Curtis si tratta di una stagione che sta evolvendo in ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative