Rūta Meilutytė nei racconti di “La caduta dei campioni”

Segnaliamo il libro “La caduta dei campioni” Storie di sport tra la gloria e l’abisso edito da Einaudi lo scorso agosto, il lavoro è stato realizzato dalla redazione della rivista web “l’Ultimo Uomo”, dieci storie di sport raccontate da dieci diversi autori, segue la sinossi del libro. Fra le storie anche quella della campionessa Rūta Meilutytė a cura di Giuseppe Pastore, qui un breve estratto dal libro.

Le storie

Adriano di Daniele Manusia
Marco Pantani di Matteo Nucci
Bojan Krkić di Emiliano Battazzi
Rūta Meilutytė di Giuseppe Pastore
George Best di Dario Saltari
Marat Safin di Emanuele Atturo
Antonio Cassano di Tommaso Giagni
Paul Gascoigne di Fabrizio Gabrielli
Domenico Morfeo di Federico Aquè
Andrea Bargnani di Marco D’Ottavi

Sinossi

C’è chi ha un brutto carattere e litiga con tutti, compagni, allenatori e tifosi; chi ha un’attrazione fatale per le bravate e l’alcol; chi è emotivo e non sa gestire la tensione; chi invece deve fare i conti con una carriera tormentata dagli infortuni o da circostanze sfavorevoli: al centro di questo libro ci sono le traiettorie di dieci promesse dello sport che hanno sprecato o svilito la propria classe cristallina, raccogliendo molto meno di quanto avrebbero potuto. Attraverso sensibilità e stili letterari diversi, vivremo la tragedia di Adriano; la rabbia di Marco Pantani; gli attacchi d’ansia di Bojan Krkić; la sofferenza di Rūta Meilutytė; l’istrionismo anti-sistema di George Best; le follie sempre al limite di Marat Safin; la commedia di Antonio Cassano; la tenerezza di Paul Gascoigne; il talento arrogante di Domenico Morfeo; l’indolenza di Andrea Bargnani. Ognuno a modo suo, questi protagonisti hanno qualcosa in comune: qualità che brillano da lontano, un piede magico, un istinto particolare, un atletismo fuori categoria. Ma nessuno si è dimostrato fino in fondo all’altezza del proprio smisurato talento. Ed è questo tormento, questa dannazione che sembra inseguirli, a renderli ancora piú campioni.

 

13° Meeting Squalo Blu

Serravalle (RSM)
26-04-24
Matteo Rivolta: "È una scelta coraggiosa, dolorosa ma necessaria, nel rispetto mio e di chi con me ha lavorato, sofferto, sognato."

Matteo Rivolta: “È una scelta coraggiosa...

Essere atleta è sicuramente difficile: l'allenamento, la prestazione, accettare la sconfitta e in caso di vittoria il peso di doversi ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative