ROMA 2022. Giorno 6. Margherita Panziera e Nicolò Martinenghi d’Oro. Cerasuolo e Paltrinieri d’Argento. Bronzo per Franceschi, Razzetti e la 4×200 mixed.

Si chiude la sesta e penultima giornata di gare di questi Europei con altre 8 medaglie per l’Italia, nello specifico due titoli europei, due argenti, tre bronzi, un primato italiano e due medaglie di legno. Azzurri in testa al medagliere con il primato storico di 28 medaglie a una giornata dal termine della rassegna capitolina, siamo primi anche nella classifica del Len Trophy davanti all’Ungheria.

GIORNO 6 – martedì 16 agosto – RISULTATI

FINALI

200 FARFALLA

Foto di Andrea Masini e Diego Montano / DBM

Kristof Milak, l’erede in questa specialità di un certo Michael Phelps, domina la prima finale della giornata coprendo la distanza in 1.52.01 davanti al connazionale Richard Marton (1.54.78), fino a 180 metri l’azzurro Alberto Razzetti è d’argento, il ligure ha azzardato un passaggio importante a meta gara (53.65) che paga nel finale in cui non può nulla sul rientro del magiaro, pregiatissima medaglia di legno per Giacomo Carini al suo nuovo primato personale (1.55.17).

Giacomo Carini: ” Dire di essere contento è un pò un controsenso, il tempo mi soddisfa anche se volevo scendere sotto i 55, il quarto posto rode un pò, ma anche questo è lo sport.

Alberto Razzetti: “Alla fine mi sotto fatto fregare, sono arrivato lento, sono contento per la medaglia, però potevo arrivare secondo, il rammarico c’è, fino al 170 mi sentivo bene, dovevo rimanere più concentrato, va bene cosi.” Post Premiazione: ” Sono contento per questa medaglia a delfino, mancava questa, si poteva fare qualcosina di meglio, in Italia in questa specialità c’è un gran bel movimento.

PODIO

  • 1) Kristof Milak (HUN) 1.52.01
  • 2) Richard Marton (HUN) 1.54.78
  • 3) Alberto Razzetti (ITA) 1.55.01
    • 4) Giacomo Carini (ITA) 1.55.17

50 STILE LIBERO

Foto di Andrea Masini e Diego Montano / DBM

Si ferma a cinque centesimi dal suo fresco primato italiano l’azzurra Silvia Di Pietro che nuota lo sprint dello stile libero in 24.77 secondi, la romana è quinta. Vince la fuoriclasse svedese Sarah Sjoestroem unica atleta ad aver nuotato sotto il muro dei 24 secondi (23.91) miglior crono mondiale dell’anno, argento alla polacca Katarzyna Wasick (24.20), sul podio per ritirare il bronzo sale l’olandese Valerie Van Roon (24.64).

PODIO

  • 1) Sarah Sjoestroem (SWE) 23.91
  • 2) Katarzyna Wasick (POL) 24.20
  • 3) Valerie Van Roon (NED) 24.64
    • 5) Silvia Di Pietro (ITA) 24.77

Silvia Di Pietro: “I 50 non sono facilissimi, devono incastrarsi una sacco di cose, sono contentissima, ci ho provato, non ho rimpianti.

50 RANA UOMINI

Strepitosa doppietta azzurra nello sprint della rana maschile, come accaduto anche sulla doppia distanza. Oro e argento con record italiano, migliore prestazione mondiale e secondo crono all-time.

Foto di Andrea Masini e Diego Montano / DBM

Nicolò Martinenghi bissa il titolo vinto sui 100 con quello odierno sui 50, lo fa nuotando come nessun’alta specialista al mondo in questa stagione, l’azzurro ferma il cronometro a 26.33 limando di 6 centesimi il suo precedente primato nazionale (26.39), solo Adam Peaty nella storia della specialità ha saputo fare meglio di lui, per Nicolò l’ennesimo titolo di una stagione davvero straordinaria. Il 19enne Simone Cerasuolo ha nuotato per vincere la sua prima medaglia internazionale che alla fine ha conquistato con grande maturità e determinazione nonostante un arrivo piuttosto incerto come lui stesso sottolinea.

Simone Cerasuolo: ” Sono contento, ho fatto un arrivo disastroso che stava compromettendo tutto, ho calcolato male.”

Post Premiazione: Per me un Europeo discreto, i tempi cosi cosi, soprattutto una delusione nel 100, è stata una stagione con qualche difficoltà, abbiano due anni per preparare un 100 rana da Olimpiadi. Per fortuna la stagione è finita e adesso ci sono le vacanze: sono cotto.

Nicolò Martinenghi: “Che bella gara, dopo ieri non pensavo di stare cosi oggi, ci ho provato è stato bellissimo, è stata una emozione allucinante. Questa volta mi sono superato. Ieri non pensavo di poter andare così forte. Credo di aver nuotato una delle gare più di sempre. Sono entrato in acqua con lo scopo di esaltare il pubblico che ci ha trascinato in questi giorni. L’atmosfera è incredibile”.

Post premiazione: Oggi è stata la gara più emozionante, vincere in casa è qualcosa di diverso, è bellissimo.

PODIO

  • 1) Nicolò Martinenghi (ITA) 26.33 RI
  • 2) Simone Cerasuolo (ITA) 26.95
  • 3) Lucas Matzerath (GER) 27.11

200 MISTI DONNE

Foto di Andrea Masini e Diego Montano / DBM

Terza finale e quarta medaglia della giornata per l’Italia grazie alla prova della livornese Sara Franceschi che sale sul podio continentale per ritirare una bellissima medaglia di bronzo costruita con una grande frazione rana (37.91), titolo europeo all’israeliana Anastasya Gorbenko (2.10.92), seconda piazza per l’olandese Marrit Steenbergen (2.11.14).

Sara Franceschi: “Sapevo che me la giocavo sulla rana, oggi contava mettere la mano davanti alle altre, sono contenta. Era una medaglia tanto attesa.

Post Premiazione: Vedere tante persone che tifano per te dal vivo è bellissimo rispetto a quando sei all’estero.

La gestione di gara

PODIO

  • 1) Anastasya Gorbenko (ISR) 2.10.92
  • 2) Marrit Steenbergen (NED) 2.11.14
  • 3) Sara Franceschi (ITA) 2.11.38

1500 STILE LIBERO UOMINI

Foto di Andrea Masini e Diego Montano / DBM

L’ucraino Mykhailo Romanchuk sorprende tutti allo Stadio del nuoto di Roma vincendo la finale dei 1500 stile libero in casa del campione del mondo Gregorio Paltrinieri, i due mezzofondisti sono rispettivamente d’oro e d’argento, 14.36.10 contro 14.39.79, sul podio per il bronzo sale il francese  Damien Joly (14.50.86) davanti all’azzurro Domenico Acerenza che si deve accontentare del quarto posto con il tempo di 14.56.15. Per i nostri due portacolori l’europeo continuerà in acque libere ad Ostia dove ritroveranno Romanchuk e compagni per darsi battaglia senza corsie.

Foto di Andrea Masini e Diego Montano / DBM

Subito fuori dal gioco delle medaglie lo specialista tedesco Florian Weelbrock che ai 400 metri tira il freno a mano e rinuncia alla gara chiudendo la prova in 15.02.51, stato di forma non ottimale causato dall’infezione da coronavirus di cui è stato vittima ad inizio del mese corrente, il campione del mondo aveva rinunciato ad inizio europeo agli 800 stile libero, resta in forse la sua partecipazione alle prove in acque libere.

Il mezzofondo continentale maschile si conferma il migliore al mondo, i massimi esponenti planetari delle lunghe distanze nuotano nel vecchio continente salvo poche eccezzioni. Europa continente di riferimento per gli specialisti di tutto il mondo.

Gregorio Paltrinieri: “Sentivo il pubblico, sento di aver deluso le aspettative, sono morto. Ogni gara però è una storia a se, la forma va su e va giù. Non posso rimproverarmi nulla, ho dato il massimo che avevo, c’ho provato fino alla fine. 14’39 è un ottimo crono e un argento europeo è sempre una bella medaglia: non posso sempre vincere; ci sono gli avversari forti”.

Domenico Acerenza: “È stato bellissimo, non ho mai provato una emozionata cosi forte, ci ho provato ma ero distrutto.

La gestione di gara

PODIO

  • 1) Mykhaylo Romanchuk (UKR) 14.36.10
  • 2) Gregorio Paltrinieri (ITA) 14.39.79
  • 3) Damien Joly (FRA) 14.50.86
    • 4) Domenico Acerenza (ITA) 14.56.15

100 DORSO DONNE

Foto di Andrea Masini e Diego Montano / DBM

Margherita Panziera dopo il titolo sui 200 dorso bissa con quello odierno sui 100 metri per una doppietta straordinaria e storica per l’Italia, vittoria risolta al touch finale cdopo 59.40 secondi di gara, la veneta vince davanti alla britannica Medi Harris (59.46) e all’olandese Kira Touissant (59.53). Ottima prova anche per Silvia Scalia quinta  in Europa con 1.00.12

Margherita Panziera: “Io non ci credo, quando ho sentito il boato non pensavo fosse per me, sono entrata in gara pensando solo di nuotare bene , sono proprio contenta. Sono sorpresa dal tempo: non andavo così forte da tanto tempo. Sono arrivata a Roma concentrata e in fiducia. Sono veramente contenta, perché metto alle spalle un anno difficilissimo e impegnativo”

Silvia Scalia: “Ci ho provato perché non avevo niente da perdere, mi è arrivata un pò una botta alla fine, quinta non me lo aspettavo alla vigilia, sono soddisfatta.

PODIO

  • 1) Margherita Panziera (ITA) 59.40
  • 2) Medi Harris (GBR) 59.46
  • 3) Kira Toussaint (NED) 59.53
    • 5) Silvia Scalia (ITA) 1.00.12

4×200 STILE LIBERO MIXED

Foto di Andrea Masini e Diego Montano / DBM

Gli azzurri Stefano Di Cola, Matteo Ciampi, Alice Mizzau Antonietta Cesarano difendono la terza posizione e salgono sul terzo gradino del podio per un bronzo di grande prestigio, vince la Gran Bretagna (7.18.16) davanti alla Francia (7.29.25).

Stefano Di Cola: “Il tempo non è eccezionale, ma dopo cinque da duecento ho dato tutto quello che avevo. “

Matteo Ciampi: “Contento, cornice di pubblico bellissimo, sono proprio felice, le ragazze sono andate molto forte.

Alice Mizzau: “Ci sono voluti 5 da duecento per andare forte”

Antonietta Cesarano:  “Sono contentissima anche del tempo”.

PODIO

  • 1) Gran Bretagna 7.28.16
  • 2) Francia 7.29.25
  • 3) Italia 7.31.85
    • Stefano Di Cola 1.47.00
    • Matteo Ciampi 1.47.69
    • Alice Mizzau 1.58.73
    • Antonietta Cesarano 1.58.43

SEMIFINALI

50 STILE LIBERO. Nuotano abbondatemente sotto i 22 secondi gli sprinter azzurri Lorenzo Zazzeri (21.72) e Leonardo De Plano (21.73), domani saranno in finale per giocarsi qualcosa di importante. Miglior crono per il britannico Ben Proud (21,40)

Lorenzo Zazzeri: “21.7 è un buon empo, forse non ho preso un buon tuffo, posso limare qualcosa”.

Leonardo De Plano: “La finale è stata centrata adesso rimaniamo contrati per domani pomeriggio, oggi ho controllato le respirazioni, ancora non riesco a stare sotto le tre respirazioni.

  • 50 SL U – =2) Zazzeri 21.72 Q, 4) Deplano 21.73

50 RANA DONNE. Nuota ancora sotto i 30 secondi la nostra primatista del mondo Benedetta Pilato (29.85), Arianna Castiglioni è meno prestativa del mattino, ma guadagna la in finale con il quarto tempo (30.27) per andare alla caccia del podio. Prova esplosiva per la lituana Ruta Meylutite (29.44).

Benedetta Pilato: “Non i aspettavo questo tempo da Ruta, quest’anno riesco a nuotare questo, 29.3 non c’è l’ho,  e nemmeno 29.4.

Arianna Castiglioni: “Ho fatto un arrivo da esordiente A, lunghissimo. A parte questo sono contenta perché non mi sono fatto condizionare dalla Meylutite.

  • 50 RA D – 2) Pilato 29.85 Q, 4) Castiglioni 30.27 Q

200 FARFALLA. Entrambe le azzurre Ilaria CusinatoAntonella Crispino passano il turno delle semifinali  con il quarto (2.09.30) ed il settimo crono (2.10.82), miglior tempo  per la 22enne danese Helena Rosendahl Bach (2.08.48), fuori dalla finale una irriconoscibile Katinka Hosszu (2.14.54).

Ilaria Cusinato: “Sono contenta ho fatto una bella gara sono riuscita a tirare anche bene le subacquee, mi ripaga degli sforzi, domani darò tutto”.

Antonella Crispino: “Sono ancora incredula, ho fatto forse un passaggio un pò troppo forte, non ho restitito”.

  • 200 FA D – 4) Cusinato 2.09.30, 7) Crispino 2.10.82

200 MISTI. Lo stakanovista ligure Alberto Razzetti dopo lo sforzo profuso per il bronzo nei 200 farfalla torna in vasca per la prova dei 200 misti che nuota egregiamente (1.59.52) conquistando con determinazione l’ennesima finale di questa sua rassegna continentale, per lui una prova d’insieme di rilievo assoluto.  Purtroppo l’azzurro Pier Andrea Matteazzi è il primo degli esclusi dalla finale di domani

Alberto Razzetti: “L’obbiettivo era solo quello di qualificarsi, a stile libero ho risparmiato un pò di energia.”

Pier Andrea Matteazzi: “Un peccato, ero all’altezza per la finale, sono soddisfatto per l’Europeo che ho fatto.”

  • 200 MX U – =3) Razzetti 1.59.52 Q, 9) Matteazzi 2.00.73

100 DORSO. Thomas Ceccon ha nuotato per entrare in finale ma non per fare il tempo, terzo crono a 53.48, fuori l’azzurro Michele Lamberti che copre le due vasche

Michele Lamberti: “Ho provato a passare un attimo più forte , mi sono mancati gli ultimi 15 metri”.

Thomas Ceccon: “Abbastanza in controllo, volevo le corsie centrali perché sono gialle e si vedono meglio, passaggio buono, il ritorno non l’ho nuotato praticamente.

  • 100 DO U – 3) Ceccon 53.48 Q, 13) Lamberti 54.56

Il programma della settima ed ultima giornata

GIORNO 7 – mercoledì 17 agosto – Starlist

MATTINO – batterie 

(dalle 9.00) – TV: Rai Sport HD 

  • 400 SL D – Quadarella, Cesarano A., Cesarano N., Caramignoli
  • 400 SL U – De Tullio, Detti, Galossi, Ciampi
  • 4×100 MX D – ITALIA
  • 4×100 MX U – ITALIA

POMERIGGIO – Semifinali e Finali (F)

(dalle 18.00) – TV: Rai 2 – Sky Sport

  • 50 SL U (F) – Lorenzo Zazzeri, Leonardo Deplano
  • 50 RA D (F) – Benedetta Pilato, Arianna Castiglioni
  • 100 DO U (F) – Thomas Ceccon 
  • 200 FA D (F) – Ilaria Cusinato, Antonella Crispino
  • 200 MX U (F) – Alberto Razzetti
  • 400 SL D (F) –
  • 400 SL U (F) –
  • 4×100 MX D (F) –
  • 4×100 MX U (F) –

FINALISTI AZZURRI

  • 400 MX U – 1) Alberto Razzetti 4.10.60
  • 400 MX U – 3) Pier Andrea Matteazzi 4.13.29
  • 800 SL D – 1) Simona Quadarella (ITA) 8.20.54
  • 800 SL D – 5) Martina Caramignoli (ITA) 8.31.30
  • 4×200 SL D  – 4) ITALIA 7.59.83
    • Alice Mizzau 2.00.58
    • Linda Caponi 2.00.06
    • Noemi Cesarano 1.58.81
    • Antonietta Cesarano 1.59.38
  • 4×200 SL U  – 2) ITALIA 7.06.25
    • Marco De Tullio 1.46.47
    • Lorenzo Galossi 1.47.91
    • Gabriele Detti 1.46.51
    • Stefano Di Cola 1.45.36
  • 50 FA U – 1) Thomas Ceccon 22.89
  • 100 SL D – 5) Silvia Di Pietro 54.18
  • 100 SL D  – 4) Chiara Tarantino 54.13
  • 200 DO D – 1) Margherita Panziera 2.07.13
  • 100 RA U – 1) Nicoló Martinenghi 58.26=RI
  • 100 RA U – 2) Federico Poggio 58.98
  • 4×100 MX mixed – 2) ITALIA 3.43.61
    • Thomas Ceccon 52.82
    • Nicoló Martinenghi 58.13
    • Elena Di Liddo 58.49
    • Silvia Di Pietro 54.17
  • 800 SL U – 1) Gregorio Paltrinieri 7.40.86 CR
  • 800 SL U – 3) Lorenzo Galossi 7.43.37 WRJ- ERJ- RIJ- RIR
  • 100 RA D – 1) Benedetta Pilato 1.05.97
  • 100 RA D – 2) Lisa Angiolini 1.06.34
  • 100 SL U – 3) Alessandro Miressi 47.63
  • 100 SL U – 6) Lorenzo Zazzeri 48.10
  • 200 DO U –  6) Lorenzo Mora 1.57.43
  • 200 DO U – 5) Matteo Restivo 1.57.30
  • 400 MX D – 6) Ilaria Cusinato 4.44.24
  • 400 MX D – 4) Sara Franceschi 4.40.91
  • 4X100 SL D – 4) Italia 3.38.01
    • Chiara Tarantino 54.81
    • Costanza Cocconcelli 54.65
    • Sofia Morini 54.99
    • Silvia Di Pietro 53.56
  • 100 FA U – 6) Matteo Rivolta 51.68
  • 50 DO D – 2) Silvia Scalia 27.53
  • 200 RA U – 3) Luca Pizzini 2.09.97
  • 4×100 SL U – 1) Italia 3.10.50
    • Alessandro Miressi 47.76
    • Thomas Ceccon 47.88
    • Lorenzo Zazzeri 47.60
    • Manuel Frigo 47.26
  • 1500 SL D – 1) Simona Quadarella 15.54.15
  • 1500 SL D – 3) Martina Caramignoli 16.12.39
  • 200 SL U – 4) Marco De Tullio 1.46.37
  • 200 SL U – 6) Stefano Di Cola 1.46.74
  • 100 FA D – 6) Ilaria Bianchi 58.34
  • 50 DO U – 2) Thomas Ceccon 24.40 RI
  • 50 DO U – 5) Michele Lamberti 24.85
  • 200 RA D – 2) Martina Carraro 2.23.64
  • 200 RA D – 6) Francesca Fangio 2.26.79
  • 4×100 SL mixed – 4) Italia 3.23.62
    • Lorenzo Zazzeri 48.38
    • Alessandro Miressi 47.38
    • Silvia Di Pietro 53.92
    • Chiara Tarantino 53.94
  • 1500 SL U – 2) Gregorio Paltrinieri 14.39.79
  • 1500 SL U – 4) Domenico Acerenza 14.56.15
  • 100 DO D – 1) Margherita Panziera 59.40
  • 100 DO D – 5) Silvia Scalia 1.00.12
  • 50 RA U – 2) Simone Cerasuolo 26.95
  • 50 RA U – 1) Nicolò Martinenghi 26.33 RI
  • 50 SL D – 5) Silvia Di Pietro 24.77
  • 200 FA U – 3) Alberto Razzetti 1.55.01
  • 200 FA U – 4) Giacomo Carini 1.55.17
  • 200 MX D – 3) Sara Franceschi 2.11.38
  • 4×200 SL mixed – 3) Italia 7.31.85
  • 50 SL U – Lorenzo Zazzeri
  • 50 SL U – Leonardo Deplano
  • 50 RA D – Benedetta Pilato
  • 50 RA D – Arianna Castiglioni
  • 200 FA D – Ilaria Cusinato
  • 200 FA D – Antonella Crispino
  • 200 MX U – Alberto Razzetti
  • 100 DO U – Thomas Ceccon

CAMPIONI EUROPEI 2022

  • 400 MX U – Alberto Razzetti (ITA) 4.10.60
  • 4×200 SL D – Olanda 7.54.07
  • 4×200 SL U – Ungheria 7.05.38
  • 200 DO D – Margherita Panziera (ITA) 2.07.13
  • 50 FA U – Thomas Ceccon (ITA) 22.89
  • 100 SL D – Marrit Steenbergen (NED) 53.24
  • 100 RA U – Nicoló Martinenghi (ITA) 58.26 =RI
  • 800 SL D – Simona Quadarella (ITA) 8.20.54
  • 4X100 MX mixed – Olanda 3.41.73
  • 200 DO U  – Yohann Ndoye Brouard (FRA) 1.55.62
  • 50 FA D  – Sarah Sjoestroem (SWE) 24.96
  • 100 SL U  – David Popovici (ROU) 46.86 WR
  • 100 RA D  – Benedetta Pilato (ITA) 1.05.97
  • 400 MX D – Viktoraia Mihalyvari F. (HUN) 4.37.56
  • 800 SL U  – Gregorio Paltrinieri (ITA) 7.40.86 CR
  • 4×100 SL D – Gran Bretagna 3.36.47
  • 100 FA U  –  Kristof Milak (HUN) 50.33
  • 50 DO D –  Analia Pigree (FRA) 27.27
  • 200 RA U – James Wilby (GBR) 2.08.96
  • 200 SL D – Marrit Steenbergen (NED) 1.56.36
  • 4×100 SL U – ITALIA 3.10.50
    • Alessandro Miressi 47.76
    • Thomas Ceccon 47.88
    • Lorenzo Zazzeri 47.60
    • Manuel Frigo 47.26
  • 100 FA D – Louise Hansson (SWE) 56.66
  • 200 SL U  – David Popovici (ROU) 1.42.97 WJ- EJ- CR
  • 200 RA D – Lisa Mamie (SUI) 2.23.27
  • 50 DO U  – Apostolos Christou ( GRE) 24.36
  • 1500 SL D  – Simona Quadarella (ITA) 15.54.15
  • 4×100 SL mixed  – Francia 3.22.80
  • 200 FA U – Kristof Milak (HUN) 1.52.01
  • 50 SL D – Sarah Sjoestroem (SWE) 23.91
  • 50 RA U – Nicolò Martinenghi (ITA) 26.33 RI
  • 200 MX D – Anastasya Gorbenko (ISR) 2.10.92
  • 1500 SL U – Mykhaylo Romanchuk (UKR) 14.36.10
  • 100 DO D – Margherita Panziera (ITA) 59.40
  • 4X200 SL mixed – Gran Bretagna 7.28.16

MEDAGLIE AZZURRE

ORO 

  • 400 MX U – Alberto Razzetti (ITA) 4.10.60 (Stefano Franceschi)
  • 200 DO D – Margherita Panziera (ITA) 2.07.13 (Gianluca Belfiore)
  • 50 FA U – Thomas Ceccon (ITA) 22.89 (Alberto Burlina)
  • 100 RA U – Nicoló Martinenghi 58.26 =RI (Marco Pedoja)
  • 800 SL D – Simona Quadarella (ITA) 8.20.54 (Christian Minotti)
  • 100 RA D – Benedetta Pilato (ITA) 1.05.97 (Vito D’Onghia)
  • 800 SL U – Gregorio Paltrinieri (ITA) 7.40.86 CR (Fabrizio Antonelli)
  • 4×100 SL U – ITALIA 3.10.50
    • Alessandro Miressi 47.76 (Antonio Satta)
    • Thomas Ceccon 47.88 (Alberto Burlina)
    • Lorenzo Zazzeri 47.60 (Paolo Palchetti)
    • Manuel Frigo 47.26 (Claudio Rossetto)
  • 1500 SL D – Simona Quadarella (ITA) 15.54.15 (Christian Minotti)
  • 50 RA U – Nicolò Martinenghi (ITA) 26.33 RI (Marco Pedoja)
  • 100 DO D – Margherita Panziera (ITA) 59.40 (Gianluca Belfiore)

ARGENTO

  • 4×200 SL U- Italia 7.06.25
    • Marco De Tullio 1.46.47 (Christian Minotti)
    • Lorenzo Galossi 1.47.91 (Christian Minotti)
    • Gabriele Detti 1.46.51 (Stefano Morini)
    • Stefano Di Cola 1.45.36 (Claudio Rossetto)
  • 100 RA U – Federico Poggio 58.98 (Cesare Casella)
  • 4×100 MX mixed – 2) ITALIA 3.43.61
    • Thomas Ceccon 52.82 (Alberto Burlina)
    • Nicoló Martinenghi 58.13 (Marco Pedoja)
    • Elena Di Liddo 58.49 (Raffaele Girardi)
    • Silvia Di Pietro 54.17 (Mirko Nozzolillo)
  • 100 RA D – Lisa Angiolini 1.06.34 (Gianluca Valeri)
  • 50 DO D – Silvia Scalia 27.53 (Matteo Giunta)
  • 200 RA D – Martina Carraro 2.23.64 (Cesare Casella)
  • 50 DO U – Thomas Ceccon (ITA) 24.40 RI (Alberto Burlina)
  • 50 RA U – Simone Cerasuolo (ITA) 26.95 (Cesare Casella)
  • 1500 SL U – Gregorio Paltrinieri (ITA) 14.39.79 (Fabrizio Antonelli)

BRONZO

  • 400 MX U  – Pier Andrea Matteazzi  4.13.29 (Federico Benda)
  • 100 SL U – Alessandro Miressi  47.63 (Antonio Satta)
  • 800 SL U – Lorenzo Galossi  7.43.37 WRJ- ERJ- RIJ- RIR (Christian Minotti)
  • 200 RANA U – Luca Pizzini  2.09.97 (Matteo Giunta)
  • 1500 SL D – Martina Caramignoli 16.12.39 (Germano Proietti)
  • 200 FA U – Alberto Razzetti (ITA) 1.55.01 (Stefano Franceschi)
  • 200 MX D – Sara Franceschi (ITA) 2.11.38 (Stefano Franceschi)
  • 4×200 SL D – Italia 7.31.85
    • Stefano Di Cola 1.47.00 (Claudio Rossetto)
    • Matteo Ciampi 1.47.69 (Stefano Franceschi)
    • Alice Mizzau 1.58.73 (Luca Corsetti)
    • Antonietta Cesarano 1.58.43 (Andrea Sabino)

LEGNO

  • 100 SL D – Chiara Tarantino 54.13 (Mauro Borgia)
  • 4X200 SL D – ITALIA 7.59.83
    • Alice Mizzau 2.00.58 (Luca Corsetti)
    • Linda Caponi 2.00.06 (Giovanni Pistelli)
    • Noemi Cesarano 1.58.81 (Andrea Sabino)
    • Antonietta Cesarano 1.59.38 (Andrea Sabino)
  • 400 MX D – Sara Franceschi (ITA) 4.40.91 (Stefano Franceschi)
  • 4X100 SL D – Italia 3.38.01
    • Chiara Tarantino 54.81 (Mauro Borgia)
    • Costanza Cocconcelli 54.65 (Fabrizio Bastelli)
    • Sofia Morini 54.99 (Fabrizio Bastelli)
    • Silvia Di Pietro 53.56 (Mirko Nozzolillo)
  • 200 SL U – Marco De Tullio 1.46.37 (Christian Minotti)
  • 4×100 SL mixed – Italia 3.23.62
    • Lorenzo Zazzeri 48.38 (Paolo Palchetti)
    • Alessandro Miressi 47.38 (Antonio Satta)
    • Silvia Di Pietro 53.92 (Mirko Nozzolillo)
    • Chiara Tarantino 53.94 (Mauro Borgia)
  • 200 FA U – Giacomo Carini (ITA) 1.55.17 (Matteo Giunta)
  • 1500 SL U – Domenico Acerenza 14.56.15 (Fabrizio Antonelli)

PRIMATI MONDIALI

  • 100 SL U – David POPOVICI (ROM) 46.98

PRIMATI MONDIALI JR

  • 100 SL U – David POPOVICI (ROM) 46.98
  • 800 SL U – Lorenzo Galossi (ITA) 7.43.37
  • 200 SL U – David Popovici (ROU) 1.42.97

PRIMATI EUROPEI

  • 100 SL U – David POPOVICI (ROM) 46.98

PRIMATI EUROPEI JR

  • 100 SL U – David POPOVICI (ROM) 46.98
  • 800 SL U – Lorenzo Galossi (ITA) 7.43.37
  • 200 SL U – David Popovici (ROU) 1.42.97

PRIMATI ITALIANI

  • 100 RA U – Nicoló Martinenghi (ITA) 58.26 =RI
  • 50 DO D – Silvia Scalia (ITA) 27.39 RI
  • 50 SL D – Silvia Di Pietro 24.72 RI (sf)
  • 50 DO U – Thomas Ceccon (ITA) 24.40 RI
  • 50 RA U – Nicolò Martinenghi (ITA) 26.33 RI

PRIMATI DI CATEGORIA

  • 800 SL U – Lorenzo Galossi (ITA) 7.43.37 RIJ- RIR

 

RIFERIMENTI

ITALNUOTO

UOMINI (34)

  1. Domenico Acerenza (Fiamme Oro – CC Napoli)
  2. Alessandro Bori (Fiamme Gialle – In Sport)
  3. Federico Burdisso (Esercito – Aurelia Nuoto)
  4. Giacomo Carini (Fiamme Gialle – Vittorino da Feltre)
  5. Andrea Castello (Esercito – Imolanuoto)
  6. Thomas Ceccon (Fiamme Oro – Leosport)
  7. Simone Cerasuolo (Fiamme Oro – Imolanuoto)
  8. Matteo Ciampi (Esercito – Livorno Aquatics)
  9. Piero Codia (Esercito – CC Aniene)
  10. Luca De Tullio (Fiamme Oro – CC Aniene)
  11. Marco De Tullio (CC Aniene)
  12. Leonardo Deplano (CC Aniene)
  13. Gabriele Detti (Esercito – In Sport)
  14. Stefano Di Cola (Marina Militare – CC Aniene)
  15. Luca Dotto (Carabinieri – Larus Nuoto)
  16. Claudio Faraci (CC Aniene)
  17. Manuel Frigo (Fiamme Oro – Team Veneto)
  18. Lorenzo Galossi (CC Aniene)
  19. Lorenzo Gargani (CUS Udine)
  20. Michele Lamberti (Fiamme Gialle – GAM Brescia)
  21. Nicolò Martinenghi (CC Aniene)
  22. Pier Andrea Matteazzi (Esercito – In Sport)
  23. Filippo Megli (Carabinieri – RN Florentia)
  24. Alessandro Miressi (Fiamme Oro / CN Torino)
  25. Lorenzo Mora (Fiamme Rosse – Vigili Fuoco Modena)
  26. Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro – Coopernuoto)
  27. Luca Pizzini (Carabinieri – IC Bentegodi)
  28. Federico Poggio (Fiamme Azzurre – Imolanuoto)
  29. Alberto Razzetti (Fiamme Gialle – Genova Nuoto My Sport)
  30. Matteo Restivo (Carabinieri – RN Florentia)
  31. Matteo Rivolta (Fiamme Oro – CC Aniene)
  32. Fabio Scozzoli (Esercito – Imola Nuoto)
  33. Simone Stefanì (Fiamme Oro – Time Limit)
  34. Lorenzo Zazzeri (Esercito – RN Florentia)

DONNE (24)

  1. Lisa Angiolini (Virtus Buonconvento)
  2. Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre – Azzurra 91)
  3. Linda Caponi (Carabinieri – TNT Empoli)
  4. Martina Caramignoli (Fiamme Oro – Aurelia Nuoto)
  5. Martina Carraro (Fiamme Azzurre – Azzurra 91)
  6. Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle – Team Insubrika)
  7. Antonietta Cesarano (Assonuoto Caserta)
  8. Noemi Cesarano (Assonuoto Caserta)
  9. Costanza Cocconcelli (Fiamme Gialle – Azzurra 91)
  10. Antonella Crispino (Esercito – Assonuoto Caserta)
  11. Ilaria Cusinato (Fiamme Oro – Team Veneto)
  12. Elena Di Liddo (Carabinieri – CC Aniene)
  13. Silvia Di Pietro (Carabinieri – CC Aniene)
  14. Francesca Fangio (In Sport)
  15. Sara Franceschi (Fiamme Gialle – Livorno Aquatics)
  16. Francesca Fresia (Aquatica Torino)
  17. Alice Mizzau (Fiamme Gialle – Vis Sauro Pesaro)
  18. Sofia Morini (Esercito – Azzurra 91)
  19. Margherita Panziera (Fiamme Oro – CC Aniene)
  20. Benedetta Pilato (Fiamme Oro – CC Aniene)
  21. Simona Quadarella (CC Aniene)
  22. Silvia Scalia (Fiamme Gialle – CC Aniene)
  23. Chiara Tarantino (Fiamme Gialle)
  24. Federica Toma (Carabinieri- In Sport)

RIFERIMENTI

Le precedenti giornate

 

QUI TUTTE LE NEWS SU ROMA 2022

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Il DT Cesare Butini sulla prossima stagione agonistica. "Anche dai giovani un segnale positivo".

Il DT Cesare Butini sulla prossima stagi...

A circa un mese dall'Europeo di Roma abbiamo raggiunto il direttore tecnico delle squadre nazionali Cesare Butini per raccogliere qualche ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu