Coronavirus, Le Clos “sfrattato” dalla Turchia

In un’intervista a South Africa’s Sunday Times, il farfallista oro olimpico nei 200 a Londra Chad Le Clos racconta come la sua vita personale e sportiva sia stata stravolta dalla pandemia di coronavirus.

Dopo la cancellazione del training camp italiano di Energy Standard, Le Clos aveva programmato due mesi di allenamenti a Gloria, in Turchia, ma le autorità locali gli hanno notificato un foglio di via nell’ambito delle misure preventive contro il diffondersi del virus nel paese. Ora Chad si trova a Cape Town, senza più certezze.

Non ho programmi a breve termine. Niente allenatore, niente compagni di allenamento. Potrei rimanere bloccato qui fino alle Olimpiadi. Se anche qui dovessero chiudere gli impianti sportivi, non ho un piano B. È pauroso. Ho sentito altri nuotatori letteralmente segregati in casa. Penny Oleksiak è a Toronto e non nuota da venti giorni. Ai miei colleghi dico: concentriamoci sui Giochi, se si svolgeranno come previsto. Se saranno posticipati, continuiamo a lavorare duramente fino a quel momento.

Correlati:

Leggi l’intervista completa [ENG]

Ph. ©G.Scala/Deepbluemedia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Gianfranco Saini: "200 stile libero: ecco perché non sono d'accordo con Thorpe"

Gianfranco Saini: “200 stile liber...

"Tutto il mondo nuota male i 200 stile libero": una sentenza che in bocca ad altri suonerebbe arrogante, ma che ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu