Budapest 2022. Giorno 8. FAVOLA ITALIA. 4X100 mista d’ORO. 1500 stile libero: PALTRINIERI SPAZIALE, Oro e Record europeo. 50 rana: Argento Pilato. 50 dorso: Quasi bronzo Ceccon.

Cala il sipario alla Duna Arena di Budapest per il mondiale più bello della storia del nuoto italiano, 5 titoli mondiali, 2 argenti e 2 bronzi per un computo totale di 9 medaglie che valgono all’Italia la terza posizione nel medagliere per nazioni dietro alle due potenze del nuoto mondiale Stati Uniti e Australia, prima nazione del vecchio continente, ed ancora 1 record del mondo, 3 record europei, 9 primati nazionali e 25 finali mondiali tinte d’azzurro.

GIORNO 8 – Sabato 25 giugno – RISULTATI

FINALI

50 DORSO UOMINI  

Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

Sembrava ai piedi del podio il nostro campione e primatista del mondo Thomas Ceccon, poi arriva la squalifica dell’americano Justin Ress ed è medaglia di bronzo per l’azzurro. Vince l’americano Joseph Armstrong (24.19) argento alla rivelazione polacca Ksawery Masiuk (24.49). Gara tiratissima raccolta in un differenziale fra i nuotatori di soli 62 centesimi di secondo. Poi a fine rassegna arriva un nuovo colpo di scena piuttosto anomalo con l’accettazione del ricorso degli USA a premiazione fatta (foto sotto), dunque la riassegnazione della medaglia d’oro all’americano e la riconsegna del bronzo di Thomas Ceccon per uno scambio di medaglie a tre con l’azzurro di legno, si poteva congelare la cerimonia di premiazione fino al completamento dell’iter del ricorso.

La premiazione di Justin Ress al termine della manifestazione. Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

Pensavo fosse oro, pensavo fosse argento, pensavo fosse bronzo.
Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

L’azzurro prima dell’accettazione del ricorso USA.

Thomas Ceccon: Per me è come se non avessi vinto la medaglia. Il tempo è un po’ peggio rispetto a ieri. Un po’ di tensione per la medaglia, mi sentivo meno fludo di ieri. Ero quarto di due centesimi., mi dispiace per Ress che è stato squalificato. Di fatto è un bronzo. I 50 non sono distanza olimpica, mi piacciono ma rimangono una gara per i mondiali, non per le Olimpiadi.

Post-premiazione. Dopo la premiazione Thomas Ceccon ai microfoni Rai, sul fatto che la sua medaglia contribuisca alla crescita del medagliere italiano, superando quello di Gwangju:

Thomas Ceccon:  Non lo sapevo e mi fa molto piacere. Siamo un bellissimo gruppo, con molti giovani che stanno crescendo. La mia è medaglia forse è vinta per fortuna, ma comunque arricchisce il medagliere e il mio curriculum.

E poi sulla prestazione di Gregorio Paltrinieri

Thomas Ceccon: Non ho parole, l’ho guardato dalla zona premiazione, mi è scesa una lacrima. Lo aveva detto ieri. Voleva fare la sua gara e vincere. Detto e fatto. Greg è una persona forte, non solo in ambito sportivo, una persona genuina.

PODIO

  • 1) Justin Ress (USA) 24.12
  • 2) Joseph ARMSTRONG (USA) 24.14
  • 3) Ksawery MASIUK (POL) 24.49
    • 4) Thomas CECCON (ITA) 24.51

50 RANA DONNE 

Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

La pugliese Benedetta Pilato oggi si deve “accontentare” dell’argento senza realizzare la storica doppietta iridata 50-100. La rientrante Ruta Meilutyte ha rovinato la festa azzurra vincendo l’oro mondiale alla sua prima manifestazione internazionale di rilievo dal ritiro agonistico avvenuto nel 2019 all’età di 22 anni, però nel corso della stagione corrente la lituana aveva dato chiari segnali del suo potenziale in vasca lunga e in vasca da 25 metri nuotando 29.33 ai campionati nazionali di Klapeida, un tempo che le sarebbe valsa la vittoria anche al mondiale di Abu Dhabi in vasca corta dello scorso dicembre. Medaglia di bronzo per la sudafricana Lara Van Niekerk (29.90), specialista da tenere d’occhio nel prossimo futuro.

Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

Benedetta Pilato: Ho sentito molta tensione, più della gara dei 100 rana. Non potevo far meglio, lo avevo capito in questi giorni. Forse ho sbagliato un po’ la partenza. È comunque una medaglia mondiale. Avevo puntato tutto su questa gara. Il cento è stata una sorpresa. Il record del mondo dello scorso anno ha aggiunto un po’ di pressione alla gara di oggi. Sono soddisfatta per questo mondiale.

PODIO

  • 1) Ruta MEILUTYTE (LIT) 29.70
  • 2) Benedetta PILATO (ITA) 29.80
  • 3) Lara VAN NIEKERK (RSA) 29.90

1500 STILE LIBERO UOMINI

Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

Non ci sono parole per descrivere l’impresa odierna di Gregorio Paltrinieri, talmente esagerata da pensare che l’azzurro debba e voglia mettersi all’angolo per poter esprimere tutto il suo potenziale, dalla corsia uno sorprende tutti senza lasciare la minima possibilità di replica, vince l’oro mondiale e realizza il nuovo primato europeo, accarezzando fino all’ultimo 100 metri di gara anche il primato mondiale del cinese Sun Yang. Argento per l’americano campione olimpico Bobby Finke che probabilmente ancora adesso non realizza quanto successo oggi alla Duna Arena, sul terzo gradino del podio sale il tedesco Florian Wellbrock. Oggi probabilmente era questa l’unica azzardata gestione di gara che Paltrinieri doveva giocarsi per poter vincere la finale, grande prova di coraggio e di determinazione mista a un pò di sana incoscienza da parte del nostro grande Capitano, una chiara dimostrazione che alle volte volere può diventare potere e questo fa dannatamente bene al nuoto italiano e a tutti i giovani nuotatori.

 

Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

Gregorio Paltrinieri: Sapevo che potevo far bene, potevo vincere due ori in vasca. L’800 è andato così e oggi dovevo assolutamente vincere. Qualche amico mi ha detto che ero quotato vincente a 26, e allora ho dovuto provarci a ogni costo. Sono partito di testa mia, queste sono le gare che mi piace fare. So di poter gareggiare così anche se ogni tanto non mi viene. Ho fatto una gara male – gli 800 metri – ma stavo bene e quindi l’altro giorno ero solo deluso. Oggi è stata una dimostrazione che ci sono. Faccio questo perché mi piace farlo.

La gestione di gara

PODIO

  • 1) Gregorio Paltrnieri (ITA) 14.32.80 ER
  • 2) Bobby Finke (USA) 14.36.70
  • 3) Florian Wellbrock (GER) 14.36.94

50 STILE LIBERO DONNE

Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

Bis d’Oro nello sprint per la svedese Sarah Sjostroem, doppietta farfalla-stile libero Unica atleta sotto i 24 secondi. Argento per la polacca Katarzyna Wasick (24.18) e bronzo all’australiana Meg Harris (24.38).

PODIO

  • 1) Sarah SJOESTROEM (SWE) 23.98
  • 2) Katarzyna WASICK (POL) 24.18
  • 3) Meg HARRIS (AUS) 24.38

400 MISTI DONNE

Quarta medaglia iridata per la 15enne canadese Summer McIntosh, secondo titolo mondiale dopo quello ottenuto nei 200 farfalla, è lei la grande rivelazione giovanile del settore femminile mondiale, vince con l’ennesimo primato mondiale giovanile (4.32.04). Argento alla parietà americana Katie Grimes (4.32.67), terza l’altra americana in gara Emma Weyant (4.36.00), resta ai piedi del podio la padrona di casa e di specialità Katinka Hosszu (4.37.89).

La gestione di gara

PODIO

  • 1) Summer MCINTOSH 4:32.04 WJ
  • 2) Katie GRIMES (USA) 4:32.67
  • 3) Emma WEYANT (USA) 4:36.00

4×100 MISTI UOMINI 

Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

La favola si avvera. Trionfo azzurro alla Duna Arena. Davide batte Golia. Quinto oro per l’Italia, giornata storica. Quartetto straordinario che per la prima volta nella storia vince il titolo mondiale nella 4×100 mista.

Thomas Ceccon: Una giornata incredibile. Sognavamo questa medaglia, ce la siamo meritata.

Alessandro Miressi: Sono contento, siamo stati tutti bravi era l’ultima gara. La prestazione di Gregorio ci ha gasati, oggi doveva andare così.

Federico Burdisso: Oggi avevamo un’opportunità che non potevamo perdere. Meglio di così non potevamo fare. Sono davvero contento.

Nicolò Martinenghi: Oggi è stata la gara più bella. Ci siamo detti che sarebbe stato bello cantare l’inno tutti insieme. Greg ci ha esaltati. Siamo contentissimi. Siamo un’Italia forte, fortissima, ma soprattutto siamo semplici nell’essere forti. Dobbiamo goderci questo inno perché abbiamo costruito un grande gruppo.

La gesti0ne di gara.

PODIO

  • ITALIA 3.27.51
    • CECCON Thomas 51.93
    • MARTINENGHI Nicolo 57.47
    • BURDISSO Federico  50.63
    • MIRESSI Alessandro 47.48
  • USA 3.27.79
  • GRAN BRETAGNA 3.31.31

4×100 MISTA DONNE 

Il mondiale si chiude con la mista femminile, settima posizione per le azzurre. Vincono gli Stati Uniti davanti all’Australia e al Canada, le tre migliori nazioni del pianeta per quanto vista al femminile alla Duna Arena.

PODIO

  • USA 3.53.78
  • Australia 3.54.25
  • Canada 3.55.01
    • 7) Italia (3.53.78)
      • PANZIERA Margherita 1.00.35
      • PILATO Benedetta  1.07.00
      • Di LIDDO Elena 57.45
      • Di PIETRO Silvia 54.06

BATTERIE

  • 400 MX D – Summer MCINTOSH (CAN) 4.36.15
  • 4×100 MX U – 3) Italia 3.33.02
    • CECCON Thomas 53.87
    • MARTINENGHI Nicolo 59.50
    • CODIA Piero 51.71
    • ZAZZERI Lorenzo 47.94
  • 4×100 MX D – 5) Italia 3.59.40
    • SCALIA Silvia 1.01.12
    • CASTIGLIONI Arianna 1.06.29
    • Di LIDDO Elena 57.79
    • Di PIETRO Silvia 54.20

MEDAGLIERE AZZURRO (9)

ORO (5)

  • ITALIA 3.27.51 ER/RI
    • CECCON Thomas 51.93 (Aberto Burlina)
    • MARTINENGHI Nicolo 57.47 (Marco Pedoja)
    • BURDISSO Federico  50.63 (Simone Palombi)
    • MIRESSI Alessandro 47.48 (Antonio Satta)
  • 1500 SL D – Gregorio Paltrnieri 14.32.80 (Fabrizio Antonelli) ER
  • 100 RA D – Benedetta Pilato 1.05.93 (Vito D’Onghia)
  • 100 DO U – Thomas Ceccon 51.60 WR (Aberto Burlina)
  • 100 RA U – Nicolo Martinenghi 58.26 RI (Marco Pedoja)

ARGENTO (2)

  • 50 RA U – Nicolo Martinenghi 26.48 (Marco Pedoja)
  • 50 RA D – Benedetta PILATO 29.80 (Vito D’Onghia)

BRONZO (2)

  • 800 SL D – Simona Quadarella 8:19.00  (Christian Minotti)
  • 4×100 SL U – Italia 3.10.95
    • Alessandro Miressi 48.38 (Antonio Satta)
    • Thomas Ceccon 47.57 (Alberto Burlina)
    • Lorenzo Zazzeri 47.35 (Paolo Palchetti)
    • Manuel Frigo 47.65 (Claudio Rossetto)
  • 50 DO U – Thomas Ceccon  24.51 (Aberto Burlina) ricordo USA accettato

PRIMATI NAZIONALI (9)

  • ITALIA 3.27.51
    • CECCON Thomas 51.93 (Aberto Burlina)
    • MARTINENGHI Nicolo 57.47 (Marco Pedoja)
    • BURDISSO Federico  50.63 (Simone Palombi)
    • MIRESSI Alessandro 47.48 (Antonio Satta)
  • 100 DO U – Thomas Ceccon 52.12
  • 50 FA U – Thomas Ceccon 22.88
  • 50 FA U – Thomas Ceccon 22.79
  • 100 RA U – Nicolo Martinenghi 58.26
  • 100 DO U – Thomas Ceccon 51.60
  • 50 DO U – Thomas Ceccon 24.60
  • 50 DO U – Thomas Ceccon 24.46
  • 1500 SL U – Gregorio Paltrnieri (ITA) 14.32.80

PRIMATI MONDIALI (3)

  • 100 DO U – Thomas Ceccon (ITA) 51.60
  • 200 FA U – Kristof MILAK (HUN) 1:50.34
  • 4X100 SL Mixed – Australia 3.19.38

PRIMATI EUROPEI (5)

  • ITALIA 3.27.51
    • CECCON Thomas 51.93 (Aberto Burlina)
    • MARTINENGHI Nicolo 57.47 (Marco Pedoja)
    • BURDISSO Federico  50.63 (Simone Palombi)
    • MIRESSI Alessandro 47.48 (Antonio Satta)
  • 1500 SL U – Gregorio Paltrnieri (ITA) 14.32.80
  • 400 MX U – Leon MARCHAND (FRA) 4:04.28
  • 100 DO U – Thomas Ceccon (ITA) 51.60
  • 200 FA U – Kristof MILAK (HUN) 1:50.34

PRIMATI DEL MONDO JUNIORES (7)

  • 400 MX D –  Summer MCINTOSH (CAN) 4:32.04
  • 200 FA D – Summer MCINTOSH (CAN) 2:05.20
  • 200 SL U – David POPOVICI (ROM) 1.44.40
  • 200 MX D – Leah HAYES (USA) 2:08.91
  • 200 SL U – David POPOVICI (ROM) 1:43.21
  • 100 SL U – David POPOVICI (ROM) 47.13
  • 200 FA D – Summer MCINTOSH (CAN) 2.05.79

FINALI AZZURRE

  1. 100 RA D – 1) Benedetta Pilato 1.05.93 (Vito D’Onghia)
  2. 100 DO U – 1) Thomas Ceccon 51.60 WR (Alberto Burlina)
  3. 1500 SL D – 5) Simona Quadarella 16:03.84 (Christian Minotti)
  4. 400 SL U – 5) Marco De Tullio 3.44.14 (Christian Minotti)
  5. 4×100 SL U – 3) Italia 3.10.95
  6. 100 RA U – 1) Nicolò Martinenghi 58.26 (Marco Pedoja)
  7. 50 FA U – 5) Thomas Ceccon 22.86 (Alberto Burlina)
  8. 100 DO U – 1) Thomas Ceccon 51.60 (Alberto Burlina)
  9. 1500 SL D – 5) Simona Quadarella 16.03.84 (Christian Minotti)
  10. 800 SL U – 6) Gabriele Detti 7.47.75 (Stefano Morini)
  11. 800 SL U – 4) Gregorio Paltrinieri 7.41.19 (Fabrizio Antonelli)
  12. 50 RA U – 2) Nicolò Martinenghi 26.48 (Marco Pedoja)
  13. 50 RA U – 5) Simone Cerasuolo 26.98 (Cesare Casella)
  14. 4×100 MX mixed – 4) Italia 3.41.67
  15. 100 SL U – 8) Alessandro Miressi 48.31 (Antonio Satta)
  16. 200 RA D – 7) Francesca Fangio 2.25.08 (Renzo Bonora)
  17. 50 SL U – 6) Lorenzo Zazzeri 21.81 (Paolo Palchetti)
  18. 200 DO D – 4) Margherita Panziera 2.07.27 (Gianluca Belfiore)
  19. 800 SL D – 2) Simona Quadarella 8.19.00 (Christian Minotti)
  20. 4×100 SL Mixed – 7) Italia
  21. 1500 SL U – 1) Gregorio Paltrinieri 14.32.80 (Fabrizio Antonelli)
  22. 50 RA D – 2) Benedetta Pilato 29.80 (Vito D’Onghia)
  23. 50 DO U – 4) Thomas Ceccon 24.51 (Alberto Burlina)
  24. 4×100 MX U – 1) Italia 3.27.51 IR-ER
  25. 4×100 MX D – 7) Italia 3.53.78

CAMPIONI DEL MONDO 2022

  • 4×100 MX D –  Italia 3.27.51
  • 4×100 MX U –  USA 3.53.78
  • 400 MX D –  Summer MCINTOSH (CAN) 4:32.04
  • 50 SL D – Sarah SJOESTROEM (SWE) 23.98
  • 1500 SL U – Gregorio Paltrnieri (ITA) 14.32.80
  • 50 RA D – Ruta MEILUTYTE (LIT) 29.70
  • 50 DO U – Joseph ARMSTRONG (USA) 24.14
  • 4X100 SL Mixed – Australia 3.19.38 WR
  • 800 SL D – Katie LEDECKY (USA) 8:08.04
  • 200 DO – Kaylee MCKEOWN (AUS) 2:05.08
  • 100 FA U – Kristof MILAK (HUN) 50.14
  • 50 SL U – Benjamin PROUD 21.32
  • 50 FA D – Sarah SJOESTROEM (SWE) 24.95
  • 4X200 SL U – USA 7.00.24
  • 200 RA U – Zac STUBBLETY-COOK (AUS) 2:07.07
  • 200 DO U – Ryan MURPHY (USA) 1:54.52
  • 200 RA D  – Lilly King  (USA) – 2.22.41
  • 100 SL D –  Mollie O’Callaghan (AUS) 52.67
  • 4X200 SL D – USA  7.41.45
  • 200 MX U – Leon MARCHAND (FRA) 1:55.22
  • 50 DO D – Kylie MASSE (CAN) 27.31
  • 100 SL U – David POPOVICI (ROM) 47.58
  • 200 FA D – Summer MCINTOSH (CAN) 2:05.20 WJ
  • 4X100 MX Mixed – USA 3:38.79
  • 800 SL U – Robert FINKE (USA) 7:39.36
  • 200 SL D – Junxuan YANG (CHN) 1:54.92
  • 200 FA U – Kristof MILAK (HUN) 1:50.34 WR/ER
  • 50 RA U – Nick FINK (USA) 26.45
  • 100 RA D – Benedetta PILATO (ITA) 1.05.93
  • 100 DO D – Regan Smith (USA) 58.22
  • 100 DO U – Thomas CECCON (ITA) 51.60
  • 1500 SL D – Katie Ledecky (USA) 15:30.15
  • 200 SL U – David POPOVICI (ROM) 1:43.21
  • 200 MX D –  Alex WALSH (USA) 2:07.13
  • 50 FA U – Caeleb DRESSEL (USA) 22.57
  • 100 FA D – Torri HUSKE (USA) 55.64
  • 100 RA U – Nicolo MARTINENGHI (ITA) 58.26 RI
  • 400 SL U – Elijah WINNINGTON (AUS) 3:41.22
  • 400 SL D –  Katie LEDECKY (USA) 3:58.15
  • 400 MX U – Leon MARCHAND (FRA) 4:04.28 ER CR
  • 4×100 SL U –  USA 3.09.34
  • 4X100 SL D – AUSTRALIA 3.30.95

RIFERIMENTI

TEAM ITALIA

La squadra per i Mondiali – Budapest (Ungheria), 18-25 giugno (29 atleti)
Stefano Ballo (Esercito/Time Limit), Federico Burdisso (Esercito/Aurelia Nuoto), Giacomo Carini (Fiamme Gialle/Can Vittorino Da Feltre), Thomas Ceccon (Fiamme Oro/Leosport), Simone Cerasuolo (Fiamme Oro/Imolanuoto), Matteo Ciampi (Esercito/Livorno Aquatics), Piero Codia (Esercito/CC Aniene), Marco De Tullio (CC Aniene), Leonardo De Plano (CC Aniene), Gabriele Detti (Esercito/In Sport Rane Rosse), Stefano Di Cola (Marina Militare/CC Aniene), Luca Dotto (Carabineiri/Larus), Manuel Frigo (Fiamme Oro/Team Veneto), Lorenzo Galossi (CC Aniene), Michele Lamberti (Fiamme Gialle/GAM Brescia), Nicolò Martinenghi (CC Aniene), Alessandro Miressi (Fiamme Oro/CN Torino), Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro/Coopernuoto), Alberto Razzetti (Fiamme Gialle/Genova Nuoto My Sport), Lorenzo Zazzeri (Esercito/RN Florentia); Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle/Team Insubrica), Elena Di Liddo (Carabinieri/CC Aniene), Silvia Di Pietro (Carabinieri/CC Aniene), Francesca Fangio (In Sport Rane Rosse), Margherita Panziera (Fiamme Oro/CC Aniene), Benedetta Pilato (CC Aniene), Simona Quadarella (CC Aniene), Silvia Scalia (Fiamme Gialle/CC Aniene), Chiara Tarantino (Fiamme Gialle).

 

Le precedenti giornate

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Adam Peaty: "... Se avessi avuto un piede rotto, avrei nuotato con uno"

Adam Peaty: “… Se avessi avu...

Adam Peaty (27) a poche ore dall'ufficialità della sua presenza ai Giochi del Commonwealth ed ai Campionati Europei di Roma, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu